Gli Spettri Fin de Siècle

Cinema e Fotografia

C’è stato un periodo in cui lo spiritismo (a volte del livello più becero) ebbe un grande risalto, era il periodo a cavallo tra 800 e 900, più precisamente tra il 1880 e la Grande Guerra. Periodo comunemente indicato con l’espressione fin de siècle, la Belle Epoque, un periodo storico davvero affascinante a mio parere.

HenriRobinSpecter

L’illusionista francese Henri Robin in una sua foto promozionale (Eugene Thiebault 1863)

Erano gli anni dei grandi transatlantici, delle prime automobili, della fotografia e poi del cinema, della corrente elettrica, della radio e del telefono. Sembrava che ogni giorno nascesse una mirabolante nuova invenzione, e ogni notte (per chi poteva permetterselo) era votata al lusso e alla perdizione. Ogni scienza e ogni arte fioriva, e in mezzo a tutto questo c’era una diffusa curiosità morbosa circa la morte e l’ignoto. Ed ovviamente c’erano anche parecchi medium\truffatori pronti a cavalcare l’onda di questa nuova moda…

Ricche signore passavano le loro giornate tentanto di contattare spettri tramite stravaganti circoli spiritici. Uomini di scienza indagavano l’oltretomba con ogni mezzo a loro disposizione e una quantità sorprendente di persone sosteneva di poter vedere e comunicare con spiriti e spettri.

Ovviamente anche all’epoca la gente moriva dalla smania di poter vedere con i propri occhi tali prodigi (un po come gli odierni clickbait su Youtube) così nacque la fotografia spiritica.

La mia fida Enciclopedia del CICAP* così la descrive:

Fu, sin dal 1861, una delle più grosse attrazioni dello spiritismo. …La fotografia era quindi relativamente agli inizi e quando un fotografo di Boston, William Mumler, affermò di aver ottenuto delle fotografie spiritiche, è facile immaginare quanto grande fosse l’interesse del pubblico per un fenomeno doppiamente prodigioso. La tecnica fondamentale, alla quale si rifecero altre decine di fotografi spiritici, consisteva semplicemente nello scattare una fotografia al cliente; quando le lastre venivano sviluppate, però, insieme alla persona apparivano una o più forme spiritiche. Spesso i clienti riconoscevano nelle immagini un lontano parente o un conoscente defunto. Il fenomeno riusci a sopravvivere qualche tempo, ma presto, man mano che un fotografo dietro l’altro veniva smascherato e accusato in tribunale di produrre dei falsi, sparì silenziosamente. 

Qualche anno più tardi inizio ad apparire un altro elemento nella fotografia spiritica; l’ectoplasma:

Parola coniata da Charles Richet, dal greco ektos (fuori) e plasma (forma plasmata) per identificare una sostanza amorfa che verrebbe esteriorizzata dagli orifizi corporei del medium durante una seduta spiritica. Stando agli spiritisti potrebbe assumere la forma di una mano o di un volto, ma in tutte le fotografie esistenti assomiglia più a: pezzi di garza o tulle, stracci, fotografie ritagliate da giornali o interiora di animali.

Nonostante ai giorni nostri alcune di queste foto possano sembrare ridicole, io credo che abbiano un immenso fascino e solletichino la fantasia con la bellezza di un epoca passata. Purtroppo non ho fatto ricerche approfondite sulle foto che seguono, quindi c’è caso ci sia anche qualche foto degli anni 30,40 e 50. Ma non penso ci siano dei “falsi moderni” spacciati per fin de siècle.

*Per quanto riguarda l’enciclopedia CICAP, è un manuale interessantissimo che vi consiglio fortemente (Misteri. L’enciclopedia del CICAP. 2009. ISBN 889-527-609-4)

Ora, finalmente, gustatevi queste splendide foto:

victorian-ghost-halloween-costume

spiriti (48)

spiriti (47)

spiriti (46)

spiriti (45)

spiriti (44)

spiriti (43)

spiriti (42)

spiriti (41)

spiriti (40)

spiriti (39)

M28989-5a 002

spiriti (36)

spiriti (35)

spiriti (34)

spiriti (33)

spiriti (32)

spiriti (31)

spiriti (30)

spiriti (29)

spiriti (27)

spiriti (26)

spiriti (25)

spiriti (8)

spiriti (9)

spiriti (10)

spiriti (11)

spiriti (12)

spiriti (13)

spiriti (14)

spiriti (15)

spiriti (24)

spiriti (23)

spiriti (22)

spiriti (21)

spiriti (20)

spiriti (19)

spiriti (18)

spiriti (17)

spiriti (7)

spiriti (6)

spiriti (5)

spiriti (4)

Sven Turck,

spiriti (1)

spiriti (1)

sir-arthur-conan-doyle

Eh si, è proprio Arthur Conan Doyle, il padre di Sherlock Holmes

palladino-2

Helen-duncan-cheesecloth

Helen_Duncan 1

Hall-DeaththeLady-1906-8

fotos-fantasma-william-hope (4)

ENRICO ALEXANDER

2016

9 pensieri su “Gli Spettri Fin de Siècle

      1. Il fatto di essere scettico non mi impedisce di gustare foto così ben costruite o comunque di grandissima atmosfera. Alcune sarebbero copertine perfette per libri sull’occulto 😉

        Mi piace

  1. Pazzesco! Pensare che c’è gente che ci crede ancora.
    A me è successo per caso di fare una “sovrapposizione” d’immagine, con una pellicola che è slittata (usavo una macchina a rullino, 120) e sembra davvero che ci siano un paio di fantasmi, invece erano la mia bambina e una vecchia zia, sovrapposte ad altre persone.
    Nella stessa epoca c’era anche gente che amava prendere il tea con le mummie, se non erro.
    Complimenti per l’ottimo lavoro di ricerca.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...