Tutti i Dylan Dog di Tiziano Sclavi

Letteratura

Vi avevo già parlato dell’argomento, ora per la vostra gioia eccovi qui una lista di tutti i Dylan Dog scritti da Tiziano Sclavi.

La prima tabella riguarda la serie regolare, 92 albi. Nella seconda tabella invece trovate gli speciali e i fuoriserie, altri 52, per un totale di 144 storie.

Devo ringraziare tizianosclavi.it sito da cui ho attinto le info, io le ho solo riordinate in modo che a mio avviso è più accurato. Buona consultazione!

SERIE REGOLARE

N.

TIPO

TITOLO

AUTORI

ANNO

1

Dylan Dog n. 1

L’alba dei morti viventi

Sclavi & Stano

1986

2

Dylan Dog n. 2

Jack lo Squartatore

Sclavi & Trigo

1986

3

Dylan Dog n. 3

Le notti della luna piena

Sclavi & Montanari e Grassani

1986

4

Dylan Dog n. 4

Il fantasma di Anna Never

Sclavi & Roi

1987

5

Dylan Dog n. 5

Gli uccisori

Sclavi & Dell’Uomo

1987

6

Dylan Dog n. 6

La bellezza del demonio

Sclavi & Trigo

1987

7

Dylan Dog n. 7

La zona del crepuscolo

Sclavi & Montanari e Grassani

1987

8

Dylan Dog n. 8

Il ritorno del mostro

Sclavi & Piccatto

1987

9

Dylan Dog n. 9

Alfa e Omega

Sclavi & Roi

1987

10

Dylan Dog n. 10

Attraverso lo specchio

Sclavi & Casertano

1987

11

Dylan Dog n. 11

Diabolo il grande

Sclavi & Dell’Uomo

1987

12

Dylan Dog n. 12

Killer!

Sclavi & Montanari e Grassani

1987

13

Dylan Dog n. 13

Vivono tra noi

Sclavi-Ferrandino & Trigo

1987

14

Dylan Dog n. 14

Fra la vita e la morte

Sclavi-Mignacco & Piccatto

1987

15

Dylan Dog n. 15

Canale 666

Sclavi & Ambrosini

1987

16

Dylan Dog n. 16

Il castello della paura

Sclavi & Montanari e Grassani

1988

17

Dylan Dog n. 17

La dama in nero

Sclavi & Montanari & Grassani

1988

18

Dylan Dog n. 18

Cagliostro!

Sclavi & Piccatto

1988

19

Dylan Dog n. 19

Memorie dall’invisibile

Sclavi & Casertano

1988

20

Dylan Dog n. 20

Dal profondo

Sclavi-Castelli & Roi

1988

21

Dylan Dog n. 21

Giorno maledetto

Sclavi-Toninelli & Montanari e Grassani

1988

22

Dylan Dog n. 22

Il tunnel dell’orrore

Sclavi & Montanari e Grassani

1988

23

Dylan Dog n. 23

L’isola misteriosa

Sclavi & Ambrosini

1988

24

Dylan Dog n. 25

Morgana

Sclavi & Stano

1988

25

Dylan Dog n. 26

Dopo mezzanotte

Sclavi & Casertano

1988

26

Dylan Dog n. 28

Lama di rasoio

Sclavi & Tacconi

1989

27

Dylan Dog n. 30

La casa infestata

Sclavi & Castellini

1989

28

Dylan Dog n. 31

Grand Guignol

Sclavi & Piccatto

1989

29

Dylan Dog n. 32

Ossessione

Sclavi & Montanari e Grassani

1989

30

Dylan Dog n. 33

Jekyll!

Sclavi & Roi

1989

31

Dylan Dog n. 40

Accadde domani

Sclavi & Freghieri

1990

32

Dylan Dog n. 41

Golconda!

Sclavi & Piccatto

1990

33

Dylan Dog n. 42

La iena

Sclavi & Tacconi

1990

34

Dylan Dog n. 43

Storia di Nessuno

Sclavi & Stano

1990

35

Dylan Dog n. 46

Inferni

Sclavi & Ambrosini

1990

36

Dylan Dog n. 50

Ai confini del tempo

Sclavi & Piccatto

1990

37

Dylan Dog n. 51

Il male

Sclavi & Brindisi

1990

38

Dylan Dog n. 52

Il Marchio Rosso

Sclavi & Coppola

1991

39

Dylan Dog n. 56

Ombre

Sclavi & Cossu

1991

40

Dylan Dog n. 57

Ritorno al Crepuscolo

Sclavi & Montanari e Grassani

1991

41

Dylan Dog n. 59

Gente che scompare

Sclavi & Coppola

1991

42

Dylan Dog n. 61

Terrore dall’infinito

Sclavi & Brindisi

1991

43

Dylan Dog n. 62

I vampiri

Sclavi & Ambrosini

1991

44

Dylan Dog n. 63

Maelstrom!

Sclavi & Piccatto

1991

45

Dylan Dog n. 64

I segreti di Ramblyn

Sclavi & Montanari e Grassani

1992

46

Dylan Dog n. 65

La belva delle caverne

Sclavi & Montanari e Grassani

1992

47

Dylan Dog n. 67

L’uomo che visse due volte

Sclavi & Venturi

1992

48

Dylan Dog n. 69

Caccia alle streghe

Sclavi & Dall’Agnol

1992

49

Dylan Dog n. 72

L’ultimo plenilunio

Marcheselli-Sclavi & Montanari e Grassani

1992

50

Dylan Dog n. 74

Il lungo addio

Marcheselli-Sclavi & Ambrosini

1992

51

Dylan Dog n. 75

Il tagliagole

Sclavi & Coppola

1992

52

Dylan Dog n. 76

Maledizione nera

Sclavi & Tacconi

1993

53

Dylan Dog n. 77

L’ultimo uomo sulla Terra

Sclavi & Roi

1993

54

Dylan Dog n. 77

Incubus

Sclavi & Piccatto

1993

55

Dylan Dog n. 80

Il cervello di Killex

Sclavi & Casertano

1993

56

Dylan Dog n. 81

Johnny Freak

Marcheselli-Sclavi & Venturi

1993

57

Dylan Dog n. 83

Doktor Terror

Sclavi & Coppola

1993

58

Dylan Dog n. 84

Zed

Sclavi & Brindisi

1993

59

Dylan Dog n. 88

Oltre la morte

Marcheselli-Sclavi & Soldi

1994

60

Dylan Dog n. 100

La storia di Dylan Dog

Sclavi & Stano

1995

61

Dylan Dog n. 109

Il volo dello struzzo

Marcheselli-Sclavi & Freghieri

1995

62

Dylan Dog n. 113

La metà oscura

Sclavi & Casertano

1996

63

Dylan Dog n. 117

La quinta stagione

Sclavi & Piccatto

1996

64

Dylan Dog n. 119

L’occhio del gatto

Sclavi & Saudelli

1996

65

Dylan Dog n. 120

Abyss

Balsamo-Sclavi & Casertano

1996

66

Dylan Dog n. 121

Finché morte non vi separi

Marcheselli-Sclavi & Brindisi

1996

67

Dylan Dog n. 123

Phoenix

Sclavi & Mari

1996

68

Dylan Dog n. 125

Tre per zero

Sclavi & Brindisi

1997

69

Dylan Dog n. 127

Il cuore di Johnny

Marcheselli-Sclavi & Casertano

1997

70

Dylan Dog n. 129

Il ritorno di Killex

Sclavi & Roi

1997

71

Dylan Dog n. 131

Quando cadono le stelle,

Sclavi & Brindisi

1997

72

Dylan Dog n. 133

Ananga!

Sclavi & Freghieri

1997

73

Dylan Dog n. 134

L’urlo del giaguaro

Sclavi & Freghieri

1997

74

Dylan Dog n. 136

Lassù qualcuno ci chiama

Sclavi & Brindisi

1998

75

Dylan Dog n. 138

Cattivi pensieri,

Sclavi & Cossu

1998

76

Dylan Dog n. 140

Verso un mondo lontano

Sclavi & Piccatto

1998

77

Dylan Dog n. 143

Apocalisse

Sclavi & Casertano

1998

78

Dylan Dog n. 145

Il cane infernale

Sclavi & Saudelli

1998

79

Dylan Dog n. 146

Ghost Hotel

Sclavi & Brindisi

1998

80

Dylan Dog n. 151

Il lago nel cielo

Neri-Sclavi & Brindisi

1999

81

Dylan Dog n. 153

La strada verso il nulla

Lucarelli-Sclavi & Freghieri

1999

82

Dylan Dog n. 156

Il gigante

Sclavi & Casertano

1999

83

Dylan Dog n. 161

Il sorriso dell’Oscura Signora

Sclavi & Mari

2000

84

Dylan Dog n. 163

Il mondo perfetto

Barbato-Sclavi & Roi

2000

85

Dylan Dog n. 173

Per un pugno di sterline

Sclavi & Brindisi

2001

86

Dylan Dog n. 176

Il “Progetto”

Sclavi & Casertano

2001

87

Dylan Dog n. 240

Ucronia

Sclavi & Saudelli

2006

88

Dylan Dog n. 243

L’assassino è tra noi

Sclavi & Stano

2006

89

Dylan Dog n. 244

Marty

Sclavi & Casertano

2006

90

Dylan Dog n. 250

Ascensore per l’inferno

Sclavi & Brindisi

2007

91

Dylan Dog n. 362

Dopo un lungo silenzio

Sclavi & Casertano

2016

92

Dylan Dog n. 375

Nel mistero

Sclavi & Stano

2017

SPECIALI

93

Speciale Dylan Dog n. 1

Il club dell’Orrore

Sclavi & Roi

1987

94

Speciale Dylan Dog n. 2

Gli orrori di Altroquando

Sclavi & Micheluzzi

1988

95

Speciale Dylan Dog n. 3

Orrore nero

Sclavi & Freghieri

1989

96

Fuoriserie (“Per lui” n. 74)

L’orrore

Sclavi & Casertano

1989

97

Speciale Dylan Dog n. 4

Mefistofele

Sclavi & Roi

1990

98

Dylan Dog & Martin Mystère n. 1

Ultima fermata: l’incubo!

Castelli-Sclavi & Freghieri

1990

99

Fuoriserie (“Comic Art” n. 63)

Gli inquilini arcani – Il fantasma del III piano

Sclavi & Roi

1990

100

Fuoriserie (“Comic Art” n. 72)

Gli inquilini arcani – L’appartamento n. 13

Sclavi & Roi

1990

101

Speciale Dylan Dog n. 5

La casa degli uomini perduti

Sclavi & Casertano

1991

102

Almanacco della Paura n. 1

Dopo il grande splendore

Sclavi & Pennacchioli

1991

103

Almanacco della Paura n. 1

La cantina

Sclavi & Roi

1991

104

Fuoriserie (“Comic Art” n. 79)

Gli inquilini arcani – L’incubo è finito

Sclavi & Roi

1991

105

Fuoriserie (“L’indagatore dell’incubo”, cartonato Mondadori)

La bambina

Sclavi & Stano

1991

106

Fuoriserie (allegato al videogioco “Dylan Dog – Gli Uccisori”, Simulmondo)

Il ritorno degli uccisori

Sclavi & Montanari e Grassani

1991

107

Fuoriserie (Dylan Dog n. 59)

Chi abbandona gli animali… è un mostro!

Sclavi & Casertano

1991

108

Speciale Dylan Dog n. 6

Sette anime dannate

Sclavi & Roi

1992

109

Dylan Dog & Martin Mystère n. 2

La fine del mondo

Sclavi-Castelli & Freghieri

1992

110

Almanacco della Paura n. 2

La maschera del demonio

Sclavi-Chiaverotti & Pennacchioli

1992

111

Dylan Dog presenta Groucho n. 1

La cosa misteriosa che vive dietro il frigorifero

Sclavi & Piccatto

1992

112

Fuoriserie (“Gli orrori di Altroquando”, cartonato Mondadori)

La piccola biblioteca di Babele

Sclavi & Stano

1992

113

Fuoriserie (Dylan Dog n. 71)

Troviamo loro una casa

Sclavi & Casertano

1992

114

Fuoriserie (“TV Sorrisi & Canzoni” n. 35)

La cosa

Sclavi & Roi

1992

115

Speciale Dylan Dog n. 7

Sogni

Sclavi & Freghieri

1993

116

Dylan Dog Gigante n. 1

Totentanz

Sclavi & Casertano

1993

117

Dylan Dog Gigante n. 1

Delitti d’amore

Sclavi & Brindisi

1993

118

Dylan Dog Gigante n. 1

Il Giorno del Giudizio

Sclavi & Cossu

1993

119

Almanacco della Paura n. 3

Il diavolo nella bottiglia

Sclavi & Piccatto

1993

120

Almanacco della Paura n. 3

Il ritorno del vampiro

Sclavi & Roi

1993

121

Dylan Dog presenta Groucho n. 2

Horrorpoppin’

Sclavi & Piccatto

1993

122

Fuoriserie (Diario di Dylan Dog)

Gnut

Sclavi & Brindisi

1993

123

Fuoriserie (“Max” n. 2)

Spettri

Sclavi & Freghieri

1993

124

Fuoriserie (“Orrore Nero”, cartonato Mondadori)

Stelle cadenti

Sclavi & Freghieri

1993

125

Fuoriserie (Dylan Dog n. 83)

Bau e Miao vogliono dire ciao!

Sclavi & Casertano

1993

126

Almanacco della Paura n. 4

Risvegli

Sclavi & Cossu

1994

127

Dylan Dog Gigante n. 2

L’inquilino del terzo piano

Sclavi & Casertano

1994

128

Dylan Dog Gigante n. 2

Taxi!

Sclavi & Brindisi

1994

129

Dylan Dog Gigante n. 2

Angoscia

Sclavi & Ambrosini

1994

130

Dylan Dog Gigante n. 2

Margherite

Sclavi & Ambrosini

1994

131

Dylan Dog Gigante n. 4

Era morta

Sclavi & Stano

1995

132

Dylan Dog Gigante n. 5

Serial Killer

Marcheselli-Sclavi & Mari

1996

133

Dylan Dog Gigante n. 5

Un incubo in soffitta

Sclavi & Saudelli

1996

134

Fuoriserie (“Sette anime dannate”, cartonato Mondadori)

Epilogo

Sclavi & Roi

1996

135

Fuoriserie (“Auto Oggi” n. 21/22)

Lamiere

Sclavi & Brindisi

1996

136

Dylan Dog Gigante n. 6

Il mistero dell’isola d’Yd

Sclavi & Riboldi

1997

137

Fuoriserie (“Sogni”, cartonato Mondadori)

Il sogno di Orfeo

Sclavi & Freghieri

1997

138

Dylan Dog Gigante n. 7

L’incubo dell’Indagatore

Sclavi & Villa

1998

139

Fuoriserie (“Labirinti di paura”, cartonato Mondadori)

Comparse

Sclavi & Roi

1998

140

Dylan Dog Gigante n. 8

Il gatto nero

Puccioni-Sclavi & Stano

1999

141

Dylan Dog Gigante n. 8

Cuori randagi

Sclavi & Riboldi

1999

142

Maxi Dylan Dog n. 2

Ho ucciso Jack lo Squartatore

Sclavi & Montanari e Grassani

1999

143

Fuoriserie (trasmissione TV “Mixer”)

Ufo

Sclavi & Casertano

1999

144

Fuoriserie (“I viaggi di Repubblica” n. 139)

Il paradiso dei turisti

Sclavi & Brindisi

2000

Il Dylan Dog di Sclavi & La Ballata della Morte

Letteratura
Il Dylan Dog di Sclavi (1)

I primi due numeri del Dylan Dog di Sclavi

Volevo scrivere questo piccolo post prima, ma non ho avuto tempo, quindi lo faccio ora, in concomitanza con l’uscita (fra qualche giorno) del secondo numero di Il Dylan Dog di Tiziano Sclavi.

Veniamo a noi, circa un mese fa è appunto uscita una nuova collana di Dylan Dog, in soldoni si tratta di una ristampa in formato lussuoso di tutte le storie scritte dal geniale (e comunemente noto come uomo tormentato) Tiziano Sclavi. E credetemi è fantastica. L’edizione di cui avevamo bisogno, o di cui io almeno avevo bisogno.

Tralasciando il formato maggiorato, le bellissime copertine inedite disegnate da Gigi Cavenago, l’ottima qualità della carta, la stupenda colorazione in stile horror 50’s (mi ricorda i dischi dei Misfits…), le introduzioni di Roberto Recchioni (RRobe per gli amici) arricchite da disegni inediti, le interviste di Marco Nucci (che purtroppo non so chi sia, ho cercato sull’internet senza successo ma su cui tornerò alla fine del post) e soprattutto il fantastico odore che emano le pagine… rimangono le storie più belle di Dylan Dog. Quelle che piacciono a tutti, quelle pulp, quelle freak, quelle con quel fascino 80’s, quelle che sembrano uscite da un pezzo dei Ramones, quelle ricche di rifermenti culturali da subcultura, quelle che sono diventate riferimenti culturali esse stesse, quelle crude, e infine quelle dove i mostri siamo noi.

Dai infondo l’abbiamo sentita tutti la trita e ritrita tiritera “bello Dylan Dog, ma solo i primi 100 numeri” ecco ora esiste una collezione apposita. Bravo RRobe.

La prima storia (uscita a maggio) èAttraverso lo specchio. Storia stupenda, che ve lo dico a fare.

Ma la cosa che in assoluto mi ha colpito di più è l’introduzione “il mese in cui il Ciccio morì” di Marco Nucci. Vi giuro, me la sono letta comodamente seduto sulla mia poltrona mentre fumavo Winston, e senza neanche accorgermene sono stato catapulto un’atmosfera che purtroppo non so descrivere, dai quell’atmosfera, dai sapete di quale atmosfera parlo, si se avete tra i 25 e 35 anni lo sapete. L’unico modo in cui mi riesce di descriverla è “infanzia-estate-horror-anni 90-curiosità-caldo”. Ora dopo questa mia sciochezza, che forse ha senso solo per me, vi lascio con “la ballata della morte” l’arcinota filastrocca di Sclavi presente appunto in Attraverso lo specchio.

Chi è colui così gagliardo e forte
che possa vivere senza poi morire
E da colei ch’è tutto, Madonna Morte,
l’anima sua possa far fuggire?
La Morte schifosa, la Morte lasciva!
La Morte! La Morte! La Morte che arriva!
La Morte, la Morte, dolcissima e amara,
la Morte che avanza nella notte chiara.
La Morte di pietra, la Morte di neve
la Morte che arriva con passo lieve.
La Morte che dona, la Morte che prende,
la Morte che ruba, la Morte che rende,
la Morte che passa, la Morte che sta,
la Morte che viene, la Morte che va.
La Morte che arriva con il suo dolore,
e avvolge ogni cosa con il suo fulgore.
La Morte regina senza scettro e corona,
La Morte! La Morte! La Morte in persona!
La Morte! La Morte! La Morte furiosa,
la Morte maligna, la Morte pietosa,
la Morte sicura, la Morte carogna,
la Morte che ha il muso di un topo di fogna.
Verrà la Morte e i tuoi occhi avrà
e la bellezza tua, vanità di vanità…
Verrà la Morte e porterà con sé
tutto il tuo impero, tutto, insieme a te…
Verrà la Morte e taglierà il legame
così sottile e forte, così bello e infame…
Verrà la Morte, sarà la tua coscienza,
è stata tua compagna in tutta l’esistenza…
Verrà la Morte, e a te che non sei niente
porgerà la mano, in mezzo all’altra gente…
…e tu sarai il primo, come vorrà la sorte,
a danzare con lei la danza della Morte!
La Morte bizzarra, la Morte normale,
la Morte che viene a lenire ogni male
la Morte che vive, la Vita che muore,
la Morte! La Morte! La Morte nel cuore!
La Morte ha danzato, la Morte civetta,
la Morte ti ha scelto, la Morte ti aspetta!
La Morte trionfante, la Morte gloriosa!
La Morte! La Morte! La Morte tua sposa!
Verrà la morte e a te che non sei niente
porgerà la mano, in mezzo all’altra gente…
…e tu sarai il primo, come vorrà la sorte,
a danzare con lei la danza della Morte!
Verrà la Morte, sarà la tua coscienza,
è stata tua compagna in tutta l’esistenza…
Verrà la Morte e taglierà il legame
così sottile e forte, così bello e infame!
La Morte che vive, la Vita che muore,
la Morte! La Morte! La Morte nel cuore!
La Morte! La Morte! La Morte furiosa!
La Morte trionfante! La Morte gloriosa!
La Morte bizzarra, la Morte normale,
la Morte che viene a lenire ogni male!
La Morte regina senza scettro e corona,
La Morte! La Morte! La Morte in persona!
La Morte, La Morte, dolcissima e amara,
la Morte che viene nella notte chiara.
La Morte schifosa, la Morte lasciva.
La Morte! La Morte! La Morte che arriva!
La Morte sicura, la Morte carogna,
La Morte che ha il muso di un topo di fogna.
La Morte ha danzato, la Morte tua sposa,
la Morte maligna, la Morte pietosa…

Da Vinci’s Pulp

Letteratura

leonardo-da-vinci-the-anatomical

coll’abitare nelli tempi notturni in compagnia di tali morti squartati e scorticati…”

Recentemente mi è capitato tra le mani un vecchio libricino su (anzi, di) Leonardo Da Vinci, nient’altro che una bella raccolta dei vari appunti del maestro divisi per argomenti, dall’ingegneria alle fiabe, alla biologia, all’umorismo e ovviamente l’anatomia. Bene, in questo libro (se vi capita leggetelo) a tratti ci ho trovato anche del vero Pulp, qualcosa che va nozze con lo spirito di questo blog, dell’autentico Guignolesco!

Eccovene un breve estratto. E’ un Leonardo intento ad indagare la morte per scoprire i segreti della vita. Ma prima fate un piccolo sforzo, immaginatevi la situazione, siamo nel 1500 e il grande genio è solo nel suo studio, intento a sezionare cadaveri con grossolani strumenti alla luce di una candela…

E tu, che di’ esser meglio il vedere fare la notomia che vedere tali disegni, diresti bene, se fussi possibile veder tutte queste cose, che in tal disegni si dimostrano in una sola figura; nella quale, con tutto il tuo ingegno, non vedrai e non arai la notizia se non d’alquante poche vene; delle quali io, per averne vera e piena notizia, ho disfatti più di dieci corpi umani, destruggendo ogni altri membri, consumando con minutissime particule tutta la carne che dintorno a esse vene si trovava, sanza insanguinarle, se non d’insensibile insanguinamento delle vene capillare. E un sol corpo non bastava a tanto tempo, che bisognava procedere di mano in mano in tanti corpi, che si finissi la intera cognizione; la qual ripricai due volte per vedere le differenzie. E se tu arai l’amore a tal cosa, tu sarai forse impedito dallo stomaco; e se questo non ti impedisce, tu sarai forse impedito dalla paura coll’abitare nelli tempi notturni in compagnia di tali morti squartati e scorticati e spaventevoli a vederli; e se questo non t’impedisce, forse ti mancherà il disegno bono, il qual s’appartiene a tal figurazione. E se tu arai il disegno, e’ non sarà accompagnato dalla prespettiva; e se sarà accompagnato, e’ ti mancherà l’ordine delle dimostrazion geometriche e l’ordine delle calculazion delle forze e valimento de’ muscoli; o forse ti mancherà la pazienza, che tu non sarai diligente.

ENRICO ALEXANDER

12 libri che mi hanno (quasi) cambiato la vita

Letteratura

booksf1[1]

ARTWORK BY DAVID FOLDVARI (www.davidfoldvari.co.uk)

Odio i blog con che fanno liste, cose tipo: 10 piatti detossinanti a base di stracci e cartone che DEVI assolutamente mangiare, 10 drammi di chi è troppo intelligente gentile sensibile unico incompreso, 10 film migliori del biennio 84-86 in Kamchatka, 10 sex symbol nordcoreani e così via… E’ roba da fighetti, da hipster, contenuti web per ostentatori del cazzo.

(fate una pausa riflessiva e poi dimenticatevi quel che ho detto)

Quella che segue è una lista di libri belli. Libri che vi consiglio di leggere. Libri che, almeno nel mio caso, hanno formato il mio (pessimo) carattere. Libri che se ci incontriamo davanti ad una birra abbiamo qualcosa di cui parlare. Libri con cui potrete fare i fighi al cenone di Natale dell’anno prossimo con il cugino spocchioso pseudointelletuale che tira fuori in continuazione Kafka per darsi un tono*. Libri che volendo potete anche usare al posto del piede rotto del divano (Homer Simpson dixit).

* pare che la gente si senta figa a pronunciare “Kafka”

Ecco a voi i 12 libri:

STEPHEN KING – IT (1986)

Che dire, personalmente lo trovo il più bel libro che abbia mai letto. Un mattone da più di 1300 pagine che rapisce a tal punto che una volta arrivati alla fine si desidera abbia altre 1300 pagine. Una storia che si snoda nell’arco di 28 anni, una divinità simil lovcraftiana, un gruppo di ragazzini (poi adulti) terrorizzati ma risoluti che combattono contro qualcosa immensamente più grande e forte di loro. Il tutto in atmosfere da horror classico, da mostri sotto il letto. Ti prende a tal punto che una volta finito ti sembra di averlo vissuto, di essere stato li in un tempo remoto o in un altra vita con Richie, Bill, Beverly, Eddie e gli altri a combattere Pennywise.

it (2)

MICHAIL BULGAKOV – CUORE DI CANE (1925)

Un libricino di sole 126 pagine che traspira Russia tutti i pori. L’ambiente è quello intellettuale Moscovita di inizio 900 (Bulgakov satirizza parecchio sulla situazione politica dell’epoca) un professore di medicina si cimenta in un esperimento folle, trapiantare i testicoli e l’ipofisi di un uomo morto ad un cane. L’intervento riesce e il cane pian piano inizia a trasformasi in umano, un pessimo umano. E’ un bel libro perché è breve, divertente, leggero e trasuda quell’atmosfera Russa di cui parlavo prima.

cane

GEORGE ORWELL – 1984 (1949)

Forse il libro più significato dell’intero XX secolo. Mostra un futuro governato dall’opprimente e invincibile sistema del totalitarismo. Un libro critico, un libro punk, un libro ribelle, un libro sulla libertà e una storia d’amore. Il finale è tra i più tristi che ci possano essere, come nel mondo reale i “buoni” non vincono sempre.

orwell

GUSTAV MEYRINK – IL GOLEM (1914)

Un libro che assomiglia ad un warmhole, una storia tetra e incredibilmente metafisica dove le realtà, spazio e il tempo si sovrappongono. Ambientata a Praga tra antiche leggende ebraiche, omicidi, vicoli nebbiosi e qualcosa di simile ad un viaggio astrale tra diverse realtà. Se poi lo leggete in piena notte dopo qualche bicchiere di vino diventa ancora più contorno e interessante.

golem (1)

BRET EASTON ELLIS – AMERICAN PSYCHO (1991)

Il grande romanzo americano. Mostra tutta la falsità degli anni 80 (ma vale anche per i giorni nostri). E’ lo spaccato di una società dove l’importante è apparire e non fotte niente a nessuno se sei un assassino psicopatico, l’importante è la marca di scarpe che hai ai piedi. Personalmente è il romanzo che ha influito di più sul mio modo di scrivere.

psycho (3)

EDGAR ALLAN POE – TALES (1845)

Non credo ci sia bisogno di trovar motivi per leggere Poe. Leggetelo e basta. I suoi racconti sono qualcosa di fenomenale. Incredibilmente moderno, fonte di ispirazione per tutti quelli che son venuti dopo. Master of horror.

Poe

CHUCK PALAHNIUK – SOFFOCARE (2001)

L’unico libro di questa lista ad essere stato scritto nel XXI secolo. A grandi linee è la storia di un disadattato, di un figlio che la società non riconosce. Lui se ne fa una ragione e vive la sua vita più o meno sbattendosene. E’ bello (e facile) identificarsi nel protagonista. In oltre l’ha scritto Palahniuk, e si sà, non esistono libri brutti di Palahniuk.

soffocare (1)

HOWARD PHILLIPS LOVECRAFT – TUTTO CIO’ CHE HA SCRITTO

Vale lo stesso detto per Poe, non credo ci sia bisogno di trovar motivi per leggerlo. Leggetelo e basta. Da un certo punto di vista è anche migliore di Poe, insomma quest’uomo ha creato un intera realtà parallela con una sua cosmologia e sopratutto con un pantheon di divinità eterne e terribili. In passato avevo scritto un post (eccolo qui) interamente dedicato a lui, se ne avete voglia leggetelo.

lovecraft.jpg

PHILIP K. DICK – LA SVASTICA SUL SOLE (1962)

L’ucronia per eccellenza. Siamo un un futuro alternativo dove la seconda guerra mondiale è stata vinta dall’Asse, e ovviamente il mondo è molto diverso da quello che conosciamo noi. Dentro questo libro si nasconde una piccola idea fantastica, un po difficile da rendere a parole ma ci proverò: La svastica sul sole è un libro in cui la guerra è stata vinta dall’Asse ed è stato scritto in una realtà dove la guerra è stata vinta dagli Alleati, nella realtà del libro (quindi vincita dell’Asse) viene citato un altro libro dove la guerra è stata vinta dagli Alleati. E’ una realtà concentrica, io amo queste cose! Il finale del libro, che ovviamente non vi svelerò, è fantastico, fa pensare al fatto che anche cambiando la disposizione delle cose certi eventi sono inevitabili.

svastica

JULES VERNE – VIAGGIO AL CENTRO DELLA TERRA (1864)

Con Verne si torna bambini, mi ha fatto amare la scienza e l’avventura come nessuno, ancora oggi sogno una vita come quelle dei protagonisti dei suoi libri. Tra i suoi viaggi straordinari viaggio al centro della terra è il mio preferito, c’è tutto ciò che si possa desiderare, avventura, cultura, fatti straordinari e quell’odore di Belle Epoque (anche se formalmente inizia nel 1871) sempre affascinante.

verne

JACK KEROUAC – I VAGABONDI DEL DHARMA (1958)

Anche Kerouac ha vissuto la vita che vorrei vivere io (alcolismo e morte per esso a parte) vagabondare senza meta, conoscer gente e imbarcarsi per folli imprese. I vagabondi del Dharma è uno splendido diario di viaggio, racconta con affascinante innocenza le avventure del movimento beat della prima ora. Sono gli anni 50 e in un’America ancora bigotta e conservatrice Jack e gli altri se ne sbattono altamente di come vengono etichettati e vivono come piace a loro. Le due cose in assoluto che mi han colpito di più sono la bontà d’animo di Kerouac è la sua lungimiranza, nell’arco del libro profetizza un futuro che si avvererà (movimenti del 68 e quant’altro). Ah tutto il libro è impermeato di buddismo e di un qualcosa che definirei zen, il che non guasta.

jack

SCLAVI & STANO – DYLAN DOG n.43 STORIA DI NESSUNO (1990)

Ok non è un libro, ma per me era troppo importante per non metterlo. Non esagero dicendo che è uno dei testi che hanno influito di più sul mio modo di pensare. E’ una storia metafisica, è la miglior rappresentazione della sfuggevolezza e dell’ambiguità della realtà in cui viviamo. Siamo tutti abituati a pensare che tutto ciò che ci circonda si vero, immutabile e fermo, non è così e la fisica lo conferma, tutto è relativo e mutevole. Siamo ingannati dai nostri sensi e le cose che ci circondano, le altre persone e il tempo stesso esistono su molti livelli diversi e in modi che noi non possiamo concepire. Credo che leggere “storia di nessuno” allarghi gli orizzonti. Ah il personaggio di Crandall Reed non è altri che Angelo Stano stesso intento a disegnare Dylan Dog. E se anche la nostra realtà in verità fosse una realtà relativa, magari quella di un fumetto?

dylan (2)

ENRICO ALEXANDER N.

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

DMCA.com Protection Status

© copyright 2016

Letteratura Supercondensata

Letteratura

Circa un anno fa ho abbandonato la vecchia carta stampata e sono passato al reader, scelta di cui sono contentissimo. Tra i tanti vantaggi del digitale c’è anche il poter evidenziare e salvare ciò che si vuole. Ora, un anno dopo, tra tutti i libri che ho letto ne ho scelti 12 (simbolicamente uno al mese) e tra tutte le sottolineature che ho fatto ho scelto le migliori, ed ecco a voi un anno di libri supercondensati conditi con qualche appunto personale!

Tutto ciò ricorda un po quelle pessime televendite da canali locali:

Hei giovane hipster non perdere tempo a leggere inutili e lunghi libri, con questo breve e semplice post potrai fare il figo ai tuoi aperitivi del cazzo!

Dean 2Quello nella foto non è un hipster, è James Dean, e mi sta molto simpatico

Gennaio

SOFFOCARE – PALAHNIUK CHUCK

  • Perché lui, quel piccolo burino illuso, pensava davvero che lo aspettasse un futuro migliore. Bisognava solo lavorare abbastanza. Imparare abbastanza. Correre abbastanza veloce. Tutto sarebbe andato per il meglio, e alla fine la vita gli avrebbe dato qualcosa.
  • Mettiti la crema solare, tutti i giorni. Tingiti i capelli grigi. Non impazzire. Riduci i grassi e gli zuccheri. Fai più addominali. Non cominciare a dimenticarti le cose. Accorciati i peli del naso. Prendi del calcio. Mantieniti idratato. Tutti i giorni. Ferma il tempo e rimani per sempre nello stesso posto. Non invecchiare, mai. (Appunto personale: Tyler sei tu?)
  • Evitando lo scontro. Scappando. Più o meno nello stesso modo in cui tutti quanti viviamo le nostre vite, guardando la televisione. Fumando merda. Prendendo medicinali a casaccio. Spostando la nostra attenzione. Masturbandoci. Rimuovendo.
  • Esiste il contrario del déjà vu. Lo chiamano jamais vu. È quando incontri le stesse persone o visiti gli stessi posti in continuazione, ma ogni volta è come fosse la prima. Tutti sono sconosciuti, sempre. Niente risulta mai familiare.
  • Lo facciamo tutti i giorni. Uccidiamo chi deve ancora nascere per salvare chi invecchia. Nella luce dorata della cappella, ansimandomi le sue ragioni all’orecchio, mi ha chiesto: ogni volta che bruciamo un litro di benzina o un ettaro di foresta tropicale non stiamo forse uccidendo il futuro per salvare il presente?
  • Nessuno si era reso conto di che noia sarebbe stata. Una volta che il mondo fosse stato suddiviso in proprietà, sottoposto a limiti di velocità e piani regolatori e tassato e irreggimentato, una volta che tutti fossero stati esaminati e registrati e provvisti di un indirizzo e di documenti. Nessuno aveva lasciato spazio all’avventura, se non al tipo di avventura che si può comprare. Su un ottovolante. Al cinema. E anche così, sarebbero sempre state emozioni finte. Perché uno lo sa benissimo che alla fine i dinosauri non mangeranno i bambini. Il pubblico delle proiezioni di prova si è espresso contro qualsiasi remota possibilità di finta catastrofe. E non esistendo la possibilità che si verifichi una catastrofe vera, un rischio vero, ci è preclusa anche ogni possibilità di salvezza vera. Ebbrezza vera. Eccitazione vera. Gioia. Scoperta. Invenzione. Le leggi che ci permettono di vivere sicuri sono le stesse che ci condannano alla noia. Se non possiamo accedere al caos autentico, non avremo mai autentica pace.
  • Perché soltanto ciò che è intangibile, le idee, i concetti, le convinzioni, le fantasie, dura. Le pietre si sgretolano. Il legno marcisce. La gente, be’… la gente muore. Ma le cose fragili, come un pensiero, un sogno, una leggenda, durano in eterno.
  • La burocrazia e le leggi hanno già trasformato il mondo in un campo di concentramento pulito e sicuro». Stiamo crescendo una generazione di schiavi.
  • Quando hai una dipendenza, puoi vivere senza sentire nulla, se non gli effetti dell’alcol, delle droghe o della fame. Eppure, se paragoni queste sensazioni alle altre, la rabbia, la paura, l’angoscia, la disperazione e la depressione, be’… una dipendenza non ti sembra più tanto brutta. Sembra una scelta più che praticabile.
  • «Ogni cosa in più che possiedi» dice «è solo l’ennesima cosa che un giorno perderai.»
  • E non c’è via di fuga, per chi vive in fuga. Distraendosi. Evitando lo scontro. Aspettando che passi. Masturbandosi. Negando.

Febbraio

INCUBI E DELIRI – KING STEPHEN

  • Aveva una sonorità buia e piacevolmente portentosa. L’arco di discesa.
  • La diplomazia di una carriola di cemento che casca da un’impalcatura. (Appunto personale: Esattamente come il gentil sesso)
  • Allora rifletto, quando c’è silenzio, a notte fonda, come ora, che il nostro mondo nel suo insieme, tutto quello che noi vediamo come bello e normale e giusto, potrebbe essere come un pallone di cuoio gonfio d’aria. Solo che in certi punti il cuoio si è consumato ed è molto sottile, punti dove le barriere sono impalpabili.
  • Ma se Dio dovesse scendere dal cielo in questo preciso istante per cominciare a disfare la tua vita come i punti malcuciti dell’orlo di un foulard, probabilmente ti sarebbe più facile comprendere il mio punto di vista. (Appunto personale: concetto di un Dio frattale?)
  • Quando nel tuo ufficio si presenta Dio a dirti che ha deciso che preferisce la tua vita alla Sua, come puoi credere di avere vie d’uscita?

 

Marzo

LA SVASTICA SUL SOLE – DICK PHILIP K.

  • Se il sogno americano è un incubo da cui ci si risveglia con la paura che esso sia ‘vero’
  • L’autore di un romanzo in cui la Storia degli anni Sessanta – quella che noi lettori conosciamo o crediamo di conoscere – diviene semplicemente un racconto letto da alcuni personaggi, i quali ritengono di essere persone ‘reali’ come noi, che, simili a loro, ci illudiamo di esistere e invece facciamo parte di un sogno concepito da una creatura misteriosa su un differente piano dell’esistenza.
  • …corpo deforme e onnivoro della cultura di massa.
  • È un mondo psicotico, quello in cui viviamo. I pazzi sono al potere. Da quanto tempo lo sappiamo? Da quanto tempo affrontiamo questa realtà? E… quanti di noi lo sanno? Non Lotze. Forse se uno sa di essere pazzo, allora non è pazzo. Oppure può dire di essere guarito, finalmente. Si risveglia. Credo che solo poche persone si rendano conto di tutto questo. Persone isolate, qua e là. Ma le masse… che cosa pensano? Tutte le centinaia di migliaia di abitanti di questa città. Sono convinte di vivere in un mondo sano di mente?
  • Vogliono essere gli agenti, non le vittime, della storia.
  • Io sono debole, piccolo, senza la minima importanza per l’universo. L’universo non si accorge di me, e io vivo senza essere visto. Ma perché questo deve essere un male? Non è meglio così? Gli dèi distruggono coloro di cui si accorgono. Se sei piccolo potrai scampare alla gelosia di chi è grande.
  • È colpa di quei fisici e di quella teoria della sincronicità per cui tutte le particelle sono collegate fra loro; non si può scoreggiare senza cambiare l’equilibrio dell’universo.
  • Neppure le potenze ispirate dal demonio avrebbero potuto farlo risorgere.
  • E adesso… dissoluzione. Decadimento.
  • Il metallo viene dalla terra, pensò mentre osservava. Da ciò che sta sotto: da quel regno che è il più basso e il più denso. Luogo di folletti e di caverne, umido, sempre buio. Il mondo yin, nel suo aspetto più malinconico. Il mondo dei cadaveri, del disfacimento, della rovina. Delle feci. Di tutto ciò che è morto, che è scivolato verso il basso e si è disintegrato, strato dopo strato. Il mondo demoniaco dell’immutabile; il tempo-che-fu.

 

Aprile

L’ARTE DI VIVERE I SOGNI – T.PEISEL, J.ZEIZEL, D.TUCCIOLO

  • …e introiettare un sano senso di sospetto verso la realtà.
  • Durante il giorno la nostra esperienza è contraddistinta da input sensoriali provenienti dal mondo esterno, mentre quando sogniamo la nostra attenzione è rivolta verso l’interno. Pensieri e ricordi divengono gli agenti attivi delle nostre esperienze.
  • Chi guarda fuori, sogna; chi guarda dentro, si risveglia. Carl Gustav Jung, fondatore della psicologia analitica, in realtà un moderno sciamano.
  • …alla loro età non si fanno condizionare dal pensiero di avere dei limiti.
  • C’è da piangere considerando tutti i sogni che abbiamo dimenticato, come se un’amnesia avesse spazzato via anni e anni della nostra vita. Pensate a quanta saggezza, quanti insegnamenti perduti a causa di quest’oblio

 

Maggio

ON THE ROAD – KEROUAC JACK

  • …credono nella vita ma respingono i sistemi morali e sociali precostituiti e vogliono scoprirne da sé dei nuovi sperando – o illudendosi – di trovarli più efficienti.
  • Il collettivismo è destinato a far presa sugli adulti, su gente già stanca e rassegnata, gente che non crede più in se stessa e ha bisogno di appoggiarsi sull’aiuto degli altri.
  • …perché per me l’unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi di ogni cosa allo stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un luogo comune, ma bruciano, bruciano, bruciano come favolosi fuochi artificiali color giallo che esplodono come ragni traverso le stelle e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti fanno “Ooohhh!”. (Appunto personale: Hai detto poco Jack…)
  • Mi trovavo lontano da casa, ossessionato e stanco del viaggio, in una misera camera d’albergo che non avevo mai vista, a sentire i sibili di vapore là fuori, e lo scricchiolare di vecchio legno della locanda, e dei passi al piano di sopra, e tutti quei suoni tristi; e guardavo l’alto soffitto pieno di crepe e davvero non seppi chi ero per circa quindici strani secondi. Non avevo paura; ero solo qualcun altro, un estraneo, e tutta la mia vita era una vita stregata, la vita di un fantasma.
  • Nella sua semplice anima non poteva penetrare quel mio modo di parlare felice.
  • L’unica cosa per la quale languiamo nei nostri giorni di vita, che ci fa sospirare e lamentarci e sottostare a dolci nausee di ogni specie, è il ricordo di una certa felicità perduta che probabilmente è stata sperimentata nell’alvo materno e può riprodursi solamente (quantunque noi si detesti ammetterlo) nella morte.
  • Questi bastardi hanno inventato materiali plastici con i quali potrebbero costruire case di durata eterna. E i copertoni. Gli americani si uccidono a milioni ogni anno a causa delle gomme difettose che sulla strada si surriscaldano e scoppiano. Potrebbero produrre gomme che non scoppiano mai. Lo stesso col dentifricio. C’è una certa resina che hanno inventata e non vogliono farla vedere a nessuno, che se la mastichi da bambino non ti viene più carie per tutto il resto dei tuoi giorni in terra. Idem con i vestiti. Sono in grado di fabbricare stoffe che durano in eterno. Preferiscono fare merci a poco prezzo così tutti continueranno a lavorare e a mettere la firma sotto l’orologio marcatempo e a organizzarsi in sindacati malinconici e ad affaticarsi qua e là mentre la gran camorra continua a Washington e a Mosca.»
  • Capii che ero morto ed ero tornato alla luce innumerevoli volte ma solo non me lo ricordavo, soprattutto perché i passaggi dalla vita alla morte e di nuovo alla vita sono così fantomaticamente facili, una magica azione per nulla, come cadere addormentati e svegliarsi di nuovo un milione di volte, la pura casualità e la profonda ignoranza di ciò.
  • Le nostre valigie logore stavano di nuovo ammucchiate sul marciapiede; avevamo altro e più lungo cammino da percorrere. Ma non importa, la strada è vita.
  • In fondo la strada è fatta apposta per farci girare il mondo.
  • Erano venuti giù dalle montagne dell’interno e da luoghi più alti per protendere le mani verso qualcosa che essi pensavano la civiltà potesse offrire, e non s’erano mai sognati la tristezza e le povere spezzate illusioni di essa. Non sapevano che era stata creata una bomba capace di infrangere tutti i nostri ponti e le nostre strade e ridurli a un ammasso di rovine, e che un giorno o l’altro saremmo anche noi diventati poveri come loro, e avremmo teso la mano nella stessa, identica maniera.
  • …e seppi che avevo vissuto un’intera vita e molte altre ancora nel povero guscio della mia carne fatta d’atomi, e sognai tutti i sogni possibili.

 

Giugno

PER INTENDERE LA TEORIA DI EINSTEIN – ROGGERO EGISTO

  • Noi vediamo la luce del sole, quelle delle stelle, i colori del cielo e l’universo ci appare quindi luminoso: ma tutto questo è solo per noi esseri senzienti con organi adatti; fuori di noi l’universo è buio ed incolore.
  • Lo stesso devesi dire de’ colori: noi non conosciamo che i sette colori dell’iride, ma nello spettro solare esistono altri colori che noi non possiamo vedere
  • Gli avvenimenti che sono contemporanei alla strada non sono contemporanei rispetto al treno, e viceversa. Ecco la relatività della “contemporaneità”. Ne viene che ogni sistema di riferimento ha il suo proprio tempo.
  • Un giorno lontano nella storia – venticinque secoli fa – un uomo, un filosofo disse che tutta la natura che ne circonda altro non è se non una grande illusione dei nostri sensi!
  • Il fenomeno di natura esiste perché noi lo percepiamo e unicamente per questo.

 

Luglio

I PIACERI VIZIOSI – TOLSTOJ LEV

  • Nel periodo della sua vita cosciente, l’uomo ha spesso l’occasione di distinguere in sè due esseri assolutamente distinti: l’uno, cieco e sensitivo; l’altro, veggente e pensante. Il primo mangia, beve, si riposa, dorme, si riproduce e si muove come una macchina a cui si sia dato corda per un certo tempo. Il secondo, invece, l’essere veggente e pensante, unito all’essere cieco e sensitivo, non agisce da sè: non fa che controllare ed apprezzare la condotta del compagno, aiutandolo attivamente quando lo approva, rimanendo passivo nel caso contrario.
  • Non bisogna perder di vista che il lavoro, che è il motore principale del perfezionamento della vita umana, consiste, non già nel moto delle braccia, delle gambe e della schiena, ma nelle modificazioni della coscienza. Prima che un uomo possa fare qualche cosa colle braccia e colle gambe, deve assolutamente compiersi una certa trasformazione nella sua coscienza, ed è da questa trasformazione che dipendono le azioni ulteriori dell’uomo.
  • È nostro dovere, per quanto sta in noi, di circondarci e di circondare gli altri delle condizioni più favorevoli per la precisione e la chiarezza del pensiero, le quali sono così necessarii al buon andamento della nostra coscienza, e s’intende da sè che dovremmo far convergere tutti i nostri sforzi allo scopo di non ostacolare il buon andamento della nostra coscienza mediante l’assorbimento di narcotici.
  • Intanto, è proprio ciò che fanno coloro che si abbrutiscono coi liquori e col tabacco. Non è più la vita che dirige la coscienza: è la coscienza che si piega e che si modella sulla vita.
  • Ed intanto il progresso della vita umana consiste appunto nel risolvere i problemi morali.
  • I servigi da rendere all’umanità, alla patria, alla scienza, all’arte – senza parlare della religione – sono molto al dissopra del campo dei godimenti personali ed egoistici.
  • (Moglie e marito) …debbono entrambi tendere tutti i loro sforzi verso la castità, sostituendo alle relazioni carnali dei rapporti puramente fraterni. (Appunto personale: Tolstoj è un coglione)

 

Agosto

IL GRANDE GATSBY – FITZGERALD F. SCOTT

  • La vita, dopo tutto, appare molto più brillante se la si considera da un solo punto di vista.
  • Era una notte fresca, con quella misteriosa eccitazione che si sviluppa nei due cambi di stagione dell’anno.
  • Avrebbe potuto succhiare il capezzolo della vita per bere con voluttà l’incomparabile latte della meraviglia.
  • Gatsby credeva nella luce verde, il futuro orgastico che anno dopo anno si ritira davanti a noi. Ci elude poi, ma non importa, domani correremo più veloci, stenderemo le braccia ancora di più… E un bel mattino… Così continuiamo a remare, barche contro corrente, costantemente risospinti nel passato.

Settembre

SETTE BREVI LEZIONI DI FISICA – ROVELLI CARLO

  • La differenza fra passato e futuro esiste solo quando c’è calore. Il fenomeno fondamentale che distingue il futuro dal passato è il fatto che il calore va dalle cose più calde alle cose più fredde.
  • Fisici e filosofi sono arrivati alla conclusione che l’idea di un presente comune a tutto l’universo sia un’illusione, e lo «scorrere» universale del tempo sia una generalizzazione che non funziona. Quando muore il suo grande amico italiano Michele Besso, Albert Einstein scrive in una lettera commovente alla sorella di Michele: «Michele è partito da questo strano mondo, un poco prima di me. Questo non significa nulla. Le persone come noi, che credono nella fisica, sanno che la distinzione fra passato, presente e futuro non è altro che una persistente cocciuta illusione».
  • Ma noi esseri coscienti abitiamo il tempo perché vediamo solo un’immagine sbiadita del mondo. Se posso rubare le parole al mio editore: «L’immanifesto è molto più vasto del manifesto». Da questo sfocamento del mondo nasce la nostra percezione dello scorrere del tempo. (Appunto personale: Vedi Huxley, porte della percezione)
  • Per natura amiamo e siamo onesti. E per natura vogliamo sapere di più.

Ottobre

I VAGABONDI DEL DHARMA – KEROUAC JACK

  • Sono i tuoi sei sensi che ti ingannano e ti fanno credere non solo che hai sei sensi, ma che essi ti permettono di entrare in contatto con un mondo esterno reale. Se non fosse per i tuoi occhi, non mi vedresti. Se non fosse per le tue orecchie, non sentiresti quell’aeroplano. Se non fosse per il tuo naso non sentiresti il profumo della menta a mezzanotte. Se non fosse per le tue papille gustative, non noteresti la differenza tra A e B. Se non fosse per il tuo corpo, non avvertiresti il contatto della Principessa. Non ci sono io, non c’è nessun aeroplano, né pianta di menta, né Principessa, niente di niente insomma, per Dio vuoi continuare a farti imbrogliare in ogni maledetto secondo della tua vita?
  • Tutto quello che vuoi è correre là fuori a scopare, a farti maltrattare e traumatizzare e invecchiare e ammalarti e farti sballottare qua e là dal samsara, tu eterna carne fottuta della rinascita, e tu lo sarai.
  • …perché le università non sono altro che scuole di galateo per la non-identità middleclass che normalmente trova la sua migliore espressione fuori dei confini dell’università nelle schiere di ville da ricchi con prato e TV in ogni salotto dove tutti guardano la stessa cosa e pensano la stessa cosa nello stesso momento mentre i Japhy di tutto il mondo vanno a esplorare le distese dei deserti per sentire la voce che grida nel deserto, per ritrovare l’estasi delle stelle, per scoprire l’oscuro misterioso segreto dell’origine di un’anonima disincantata civiltà scialacquatrice.
  • Vagabondi del Dharma che si rifiutano di cedere all’imperativo generale che li porta a consumare e dunque a lavorare per il privilegio di consumare, tutte quelle schifezze che nemmeno volevano davvero tipo frigoriferi, televisori, macchine, o perlomeno macchine nuove ultimo modello, certe brillantine per capelli e deodoranti e un sacco di robaccia varia che nel giro di una settimana trovi comunque nella spazzatura, tutti prigionieri di un sistema per cui lavori, produci, consumi, lavori, produci, consumi, con l’occhio della mente vedo una grandiosa rivoluzione di zaini migliaia o addirittura milioni di giovani americani che girano con lo zaino in spalla, che salgono sulle montagne a pregare, fanno ridere i bambini e rallegrano i vecchi, rendono felici le ragazze e ancora più felici le vecchie, tutti Pazzi Zen che girano scrivendo poesie che prendono forma nella loro testa senza una ragione precisa e inoltre essendo gentili e avendo anche certi imprevedibili gesti strani continuano a elargire visioni di libertà eterna a tutti e a tutte le creature viventi, ecco cosa mi piace di voi Goldbook e Smith, voi due figlioli di una East Coast che io ritenevo defunta.
  • …le api e le formiche sono comuniste. (Appunto personale: E gli squali sono cannibali.)
  • C’e solo una cosa da riconoscere a quelli che guardano la televisione, i milioni e milioni dell’Occhio Solo: mentre siedono di fronte a quell’Occhio non fanno male a nessuno.
  • C’era una pozzanghera con una stella che vi riluceva dentro specchiandosi, io sputavo nella pozza, la stella si offuscava, dicevo: «È vera quella stella?». (Appunto personale: Credo che una stella che si rispecchi in una pozzanghera sia vera esattamente come la stessa stella che vediamo in cielo. Che differenza fà se la sua immagine, dopo miliardi di miliardi di miliardi di chilometri e miliardi anni, attraverso polveri cosmiche, attraverso lo spazio e il tempo ecc ecc alla fine allunga il suo tragitto di un metro in più ribalzando sulla pozzanghera per giungere comunque ai nostri occhi? In fin dei conti è solo luce.)
  • …le cose sono vuote perché appaiono, non è vero, le vedete, ma sono fatte di atomi che non possono essere misurati né pesati né afferrati.
  • È la tua mente che crea l’arancia quando la vedi, la senti, la tocchi, la annusi, la gusti e la pensi ma senza questa mente, l’arancia non si vedrebbe né si sentirebbe, non avrebbe né odore né gusto e neanche ne noteresti mentalmente l’esistenza, anzi, l’esistenza stessa di quell’arancia dipende dalla tua mente!

 

Novembre

INVISIBLE MONSTERS – PALAHNIUK CHUCK

  • Il totale è minore della somma delle singole parti.
  • Secondo Seth il futuro è finito nel 1962 alla Fiera Mondiale di Seattle.
  • Quando non sappiamo chi odiare, odiamo noi stessi.
  • «Rilassati» dice Brandy. «Qualsiasi cosa tu stia pensando, un milione di altre persone l’hanno già pensata. Qualsiasi cosa tu faccia, altri lo stanno facendo, e niente di te è responsabile. Tutto di te è sforzo cooperativo.»
  • «Le nostre vere scoperte vengono dal caos,» urla Brandy «dall’andare nella direzione che sembra sbagliata e stupida e sciocca.»
  • Qualsiasi cosa vogliamo, siamo ammaestrati a volerla.
  • Qui ognuno pensa di essere il protagonista della storia. E questo è sicuramente vero per tutti al mondo.

 

Dicembre

1Q84 – MURAKAMI HARUKI

  • Mi sposto. Dunque sono.
  • E tuttavia, il desiderio fondamentale di impadronirsi di conoscenze generali – che Tengo riteneva piú o meno connaturato all’essere umano – in lui era quasi assente. Possedeva l’ingegno pratico necessario per vivere, ma non faceva nessun tentativo, nessuno sforzo per migliorare se stesso, sviluppare la propria intelligenza, e vedere una realtà piú ampia e complessa.

 

EXTRA

Anche quando la poesia ha un significato, come di solito succede, potrebbe essere sconsigliabile approfondirlo. (101 poesie da leggere a Londra & New York – Antologia della poesia inglese)

Ultrarealtà Appunto personale: Mi piace come suona la parola (La piccola antologia degli orrori – Autori vari)

Il mondo è pieno di cose ovvie che nessuno si cura mai di osservare. (Tutti i romanzi di Sherlock Holmes – Doyle Arthur Conan)

Dice che mentre l’uomo individuo è un indovinello insolubile, come aggregato di umanità diviene una certezza matematica. Lei non riuscirà mai a predire, per esempio, quello che farà un uomo solo, ma potrà prevedere con esattezza che cosa farà un numero medio di uomini. (Tutti i romanzi di Sherlock Holmes – Doyle Arthur Conan)

ENRICO ALEXANDER N.

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

DMCA.com Protection Status

© copyright 2015

Howard Phillips Lovecraft

Letteratura

Tipo: Master of Horror     Anno: 1890 – 1937

Lovecraftyoung

 “La più antica e potente emozione umana è la paura, e la paura più antica e potente è la paura dell’ignoto.”

Questo signore è il motivo per cui l’infinito ci spaventa. Questo signore probabilmente è il più grande maestro dell’incubo mai esistito. Quindi, eccetto qualche accenno alla sua esistenza terrena, meglio far parlar lui. Howard ha vissuto una vita buia, in solitudine, spesso malato. Un matrimonio fallito, problemi economici, decadenza familiare. Il successo postumo, il pessimismo cosmico, l’inclinazione razzista. Ha gettato le basi di tutto il genere orrorifico e fantascientifico seguendo la strada indicata da Poe ma lasciando un segno molto più profondo. Padre di divinità eterne e terribili con nomi impronunciabili come il grande Cthulhu Ftang, seguito da tutti i vari Aiueb Gnshal, Azathoth, Azhorra-Tha, C’thalpa, Cxaxukluth, Daoloth, D’endrrah, Ghroth, Gi-Hoveg, Haiogh-Yai, Huitloxopetl, Ialdagorth, Kaajh’Kaalbh, Lu-Kthu, Mh’ithrha, Mril Thorion, Ngyr-Korath, Nyarlathotep, Nyctelios, Olkoth, Shabbith-Ka, Shub-Niggurath, Tru’nembra, Tulzscha, Ubbo-Sathla, Uvhash, Xa’ligha, Xexanoth, Ycnàgnnisssz, Yhoundeh, Yibb-Tstll, Yidhra, Yomagn’tho, Kthanid, Oztalun, Shavalyoth, Ulthar, Yad-Thaddag, Yaggdytha e ancora, ancora, ancora. E poi tentacoli, divoratori di mondi, lo pseudobiblion Necronomicon, il terrore dell’ignoto, terrore cosmico, orrori dall’infinito, terrore del tempo. Si perché una cosa relativamente banale come un eone, almeno a me, spaventa.

“Non è morto ciò che può vivere in eterno, e in strani eoni anche la morte può morire.”

Immagino Howard non fosse quello che propriamente si definisce l’anima della festa, il fatto che abbia scritto più di 118.000 lettere la dice lunga, non credo uscisse spesso… E poi infine ovviamente la morte, dolorosa e senza senso come tutte le morti e come probabilmente quella che toccherà anche noi… In definitiva credo Lovecraft sia riuscito a fa leva sulle paure ancestrali da sempre presenti nell’animo umano, credo fosse un uomo dalla grande intelligenza e dalla grane fantasia, introversione e forse anche da un grande peso esistenziale. Ma come al solito queste sono solo mie impressioni, non dovete credere a tutte le assurdità che leggete su blog con sfondi bianchi… Piuttosto rimediatevi e leggetevi un libro del solitario di Providence, Howard Phillips Lovecraft.

“Sogno il giorno in cui usciranno dai flutti e stringeranno negli artigli immensi i resti dell’umanità insignificante, logorata dalle guerre… il giorno in cui le terre sprofonderanno e il fondo oscuro dell’oceano salirà in superficie, nel pandemonio universale. La fine è vicina. Sento un rumore alla porta, come se un immenso corpo viscido vi premesse contro. Non mi troverà. Dio, quella mano! La finestra!”

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

DMCA.com Protection Status

 © copyright 2015

Stine & Jacobus – Goosebumps

Letteratura

Tipo: Serie di libri    Anno: 1992 – 2000

Goosebumps (3)

Chi è nato nella decade che va dal 85 al 95 sa già di cosa sto parlando, per tutti gli altri è paccottiglia da vecchi che si confonde con quella di altre generazione in un brodo al time laps senza senso… Goosebumps, ovvero pelle d’oca, ovvero piccoli brividi, ovvero memorabili cose. I 96 libri (87 più 9 speciali, tutti scritti da R.L Stine, e non voglio perdere altro tempo con queste formalità di specifica) sono un punto fermo, un istituzione, un menhir di molte infanzie. Oggetti che incanalavano tutto ciò che poteva mai desiderare un bambino negli anni 90, un mix, una ricetta perfetta. Libri collezionabili, 16.5×11 (formato sempre stato figo) cento pagine circa in carta spessa come dischi. E per una volta tanto l’edizione italiana era decisamente migliore di quella americana (formato tipico dei fumetti, in carta sottile e dal numero 62 reiniziava la numerazione). Assoluta irrilevanza delle storie, stupendi titoli tipo “la notte dei mostri di fango” ci dicevano già tutto quello che volevamo sentire e bastavano a saziare la nostra scarsa voglia di leggere. Parlavano di cose come scuole americane, campeggi, seminterrati, tutte cose che avevano formato una nostra visione utopica degli stati uniti, quel luogo della nostra mente dove si andava in scuola in skate, gli amici vivevano a “pochi isolati” di distanza e c’erano sempre vecchie case inquietanti e maledette in assicelle di legno bianche. E i nostri coetanei di quelle realtà chissà perché si trasferivano sempre in nuove case, nuove città, nuove scuole, nuovi quartieri e così via. C’erano campeggi estivi in tenda, autobus gialli, progetti di scienze da dover esporre scuola (noi tutt’al più facevamo i quadri con il vinavil e i maccheroni, che tristezza), c’era Halloween che all’epoca in Italia era ancora una non cosa, inconsistente e tristemente paragonata al carnevale. C’erano bulli che mettevano la testa dei loser nel water… L’immaginario USA creato dai Goosebumps si poggiava su una struttura già dataci dai film americani degli anni 80, cose come E.T o i Goonies. In Italia, per intenderci, il floscio parallelo era “Ci hai rotto papà” che tutti chiamavano “Gli intoccabili”(una la produzione Cecchi Gori, praticamente un cinepanettone per bambini, ma mentirei se dicessi che non ho mai cantato la canzone del film occupando in bici tutta la strada con i mie amici sentendoci dei veri fighi). Oh mio dio non ho ne la voglia, ne lo spazio e ne le capacità per condensare quell’utopia USA anni 90, vorrei essere posseduto dallo spettro di Stephen King (che tra l’altro è vivo) per trasporre al meglio questo archetipo fantastico… E poi il vero pezzo forte, ma di cui astutamente quasi non parlerò, le copertine! Disegnate da Tim Jacobus (si può vedere la sua minuscola firma seguita dall’anno nascosta in ogni illustrazione) erano quelle il vero motivo per cui li acquistavamo, miele per orsi. Ciò che inconsciamente ci attirava di quei disegni, oltre ai vari contenuti orrorifici davvero pulp, era la tecnica particolare con cui erano stati creati: linee curve, totale assenza di rette, il che creava una prospettiva distorta, aggiungete un sapientissimo uso della luce ed è servito il capolavoro, miele per orsi appunto. I protagonisti avevano sempre nomi inspiegabilmente affascinanti agli occhi di noi bambini italiani, nomi come Jack, Trent, Kris, Marty, Gary, Richy, July, Mike, Mary, Josh ecc e la presenza di scarpe All Star Chuck Taylor quasi in ogni copertina rafforzava ulteriormente il nostro mito americano. Quanto altro ci sarebbe da dire… I Piccoli Brividi sono uno dei ricordi più belli della mia infanzia (cosi bello che nel giro degli ultimi due anni, decisamente da disturbo schizotipico di personalità, li ho acquistati tutti su ebay. E si la cosa mi rende felice) un sogno atipicamente forte, non fragile e sfuggevole come spesso diventano quelli d’infanzia. Non lo so è tutto cosi bello che mi è passato pure l’hangover, e come al solito ho detto tutto e niente, concetti e descrizioni sconclusionate e prive di compimento, sembra fisica dei quanti, è bello così. E non ho neanche parlato del telefilm (nel 2016 uscirà anche un film), e della solita tiritera sul figlio 13enne di Stine (ora Matt, dopo aver letto tutti quei Piccoli Brividi è diventato un produttore hip pop). E di Slappy, di foto dal futuro, di maschere maledette eccetera, eccetera, eccetera, e dai lo sapete già. So che anche voi da qualche parte avete decine di Piccoli Brividi (averne almeno una ventina è sinonimo di infanzia felice o di genitori divorziati credo) e magari non puzzano neanche di muffa, beh insomma prendeteli e narcotizzatevi di fantasticherie e bei ricordi.

Qui non abita nessun fantasma… Eravamo alla metà di Giugno, eppure il cortile era ricoperto da un soffice tappeto di foglie morte che si sbriciolavano sotto i piedi, man mano che risalivano il viale che conduceva alla casa, con uno scricchiolio che non esiterei a definire sinistro…

n1. La casa della morte – 1992

ENRICO ALEXANDER N.

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

DMCA.com Protection Status

© copyright 2015