Le inquietanti fotografie del 1800

Cinema e Fotografia

Carissimi, quello che vi porto oggi è del materiale davvero succulento e in pienissimo stile guignolesco.com!

L’idea mi è venuta riflettendo su di una vicenda che credo almeno una volta sia capitata a tutti; quando da bambini a casa di nonni o di persone anziane in generale, ci siamo trovati faccia a faccia con qualche vecchia fotografia. Non so a voi, a me quelle foto terrorizzavano fin più nel profondo! Credo non fosse dovuto tanto al soggetto delle foto stesse, ma a quell’atmosfera indescrivibile ed inquietante che è impressa nelle vecchie fotografie. Qualcosa di lontano, di dormiente. Cose ancestrali. Foto di morte. Si perché a pensarci bene le vecchie fotografie non sono altro che immagini di morte. Ogni singolo centimetro quadrato impressoci sopra ora è materia morta; le persone ritratte sono morte, i vecchi le donne e i bambini ora sono morti, alberi e piante sono morti, gli oggetti sono diventati polvere e putridume e pure chi ha scattato la foto stessa ora è cibo per vermi.

E non è tutto qui, anzi ci sono mille altre ragioni per cui le vecchie fotografie ci indispongono tanto, ma non mi riesce di spiegarlo e non ne ho neanche troppa voglia di provarci. Sono sicuro che abbiate già pienamente afferrato a cosa mi riferisco.

Come spesso capita, si tende ad amare ciò che ci spaventa. E quindi, previa una approfondita ricerca visiva nei meandri dell’internet, mi sono accorto che più le fotografie sono antiche e più sono spaesanti e spaventose. Tenete a mente che la fotografia è stata inventata quasi DUECENTO ANNI FA; immaginate un istante di realtà imprigionato sulla carta per due secoli, statico ed immobile sempre uguale a se stesso mentre tutto attorno a lui muore, ah magnifica chair de poule!

Ok, fatto questo piccolo preambolo decisamente metafisico (inserire qui risate da sitcom anni 80) ora direi di tornare a noi…

Le fotografie che seguono sono il frutto della mia ricerca, sono circa una cinquantina e sono state scattate tutte nel XIX secolo. Di ognuna ne ho recuperato la massima qualità e sono risalito all’anno esatto, al nome del fotografo e dove possibile anche al titolo (e me lo dico da solo, ma ho fatto proprio un gran bel lavoro).

Io le trovo davvero interessanti, affascinanti ed inquietanti. Spero sarà lo stesso anche per voi. Anzi fatemi sapere cosa ne pensate, l’argomento è vasto e volendo ci si può lavorare sopra insieme.

A presto! 

 

Daguerreotype_Daguerre_Atelier_1837

1837 (Louis Jacques Daguerre – L’Atelier de l’artiste)

Louis Pierre Théophile - Dubois de Nehaut (1854 ca)

1854 (Louis Pierre Théophile – Dubois de Nehaut)

View_from_the_Window_at_Le_Gras,_Joseph_Nicéphore_Niépce

1826 (Nicéphore Niépce – Point de vue du Gras)

Talbot_foto

1842 (William Henry Fox Talbot – Schreiner in Lacock)

Fading_Away

1858 (Henry Peach Robinson – Fading Away)

194

1858 (Henry Peach Robinson – Le petit chaperon rouge)

Gemünd_1855_von_Joseph_Lemling_Marmagen

1855  (Joseph Lemling – Gemund)

A_Kodak_creates_a_sensation_by_Frances_Benjamin_Johnston

1890 ca. (Frances Benjamin Johnston – A Kodak creates a sensation)

9a4d9e5ad0b4ec976709ea8462958aa5--love-painting-memento-mori

1857 (Henry Peach Robinson – She never told her love) 

Obernstraße_-_Bremen_-_1843

1843 (Peter Heinrich August Wolff – Brema)

John Robert Parsons, under the direction of Rossetti 1865

1865 (John Robert Parson – Jane Morris)

Julia Margaret Cameron 1866ca

1866 ca. (Julia Margaret Cameron – The sunflower)

Julia Margaret Cameron Maud 1875

1875 (Julia Margaret Cameron – Maud)

Deathbed_Study,_by_Julia_Margaret_Cameron

1872 (Julia Margaret Cameron – Deathbed Study 1)

Julia_Margaret_Cameron_(British,_born_India_-_(Study_of_a_Dead_Child)_-_Google_Art_Project

1872 (Julia Margaret Cameron – Deathbed Study 2)

Julia_Margaret_Cameron_-_John_Herschel_(Metropolitan_Museum_of_Art_copy,_restored)

1867 (Julia Margaret Cameron – John Herschel)

Duchenne De Boulogne (3)

1862 (Duchenne De Boulogne – The Mechanism of Human Physiognomy)

Duchenne De Boulogne (6)

1862 (Duchenne De Boulogne – The Mechanism of Human Physiognomy)

Duchenne De Boulogne (5)

1862 (Duchenne De Boulogne – The Mechanism of Human Physiognomy)

Duchenne De Boulogne (1)

1862 (Duchenne De Boulogne – The Mechanism of Human Physiognomy)

Duchenne De Boulogne (2)

1862 (Duchenne De Boulogne – The Mechanism of Human Physiognomy)

Duchenne De Boulogne (4)

1862 (Duchenne De Boulogne – The Mechanism of Human Physiognomy)

 

robinson-henry-peach-the-tunbridge-wells-museum-1867

1867 (Henry Peach Robinson )

1880 ca. uknow

1880 ca. (Unknow)

912

1854 (Roger Fenton – Rievaulx Abbey) 

 

16-Roger-Fenton-The-Assyrian-Gallery-British-Museum.-stereoscopic-pair-of-photographs

1875 ca (Roger Fenton – The Assyrian Gallerry British Museum)


 

maximiliano_07

1867 (L’imperatore Massimiliano I nella sua bara)

img-1

1839 (Luis Daguerre – Still life with Jupiter Tonans)

img-10

1839 (Luis Daguerre – Daguerrotype 1)

img-11

1839 (Luis Daguerre – Daguerrotype 2)

Turku_1842_-_Henrik_Cajander

1842 (Henrik Cajander – Turku)

1872 - Julia Margaret Cameron - Rachel Gurney

1872 (Julia Margaret Cameron – Rachel Gurney)

Frederick York, around 1875. British-Museum-first-Egyptian-Room

1875 (Frederick York – Egyptian room British Museum)

Donald Macbeth, 1908. Donald_Macbeth2-1024x805

1908 (Donald Macbeth – Ethnographical Galleries British Museum)

RobertCornelius

1839 (Robert Cornelius – Autoscatto)

88-Transverse-arch-of-the-tower-Lindisfarne-by-Roger-Fenton

1856 (Roger Fenton – Transverse arch of the tower Lindisfarne)

24-Balaclava-looking-seawards-the-Commandants-house-in-the-foreground.

1855 (Roger Fenton – Balaclava, Crimea War)

180 ca uknow

1865 ca. (Unknow)

Henry Peach Robinson - Not Easter

1883 (Henry Peach Robinson)

tumblr_lfv3e5woDR1qb8vpuo1_1280

1870 (Nelson K. Cherrill – Seascape)

Fahrbare_Dunkelkammer_Jakob_Höflinger

1860-70 ca. (Unknow)

1857 - The South Aisle Salisbury Cathedral

1857 (Roger Fenton – The South Aisle Salisbury Cathedral)

1855 ca. - Entrance to the Woods at Bolton Abbey

1855 ca. (Roger Fenton – Entrance to the Woods at Bolton Abbey)

1858 - Cheddar Cliffs

1858 (Roger Fenton – Cheddar Cliffs)

012_felix-bonfils_theredlist

1869 ca. (Felix Bonfils)

Heinrich Zille, Nude Study, Winter, 1899-1900

1899 (Heinrich Zille – Nude Study)

Eugene Durieu, Untitled, 1854

1854 (Eugene Durieu – Nude Study)

Eugene Durieu, Draped female nude, seated, date unknown

1860 ca. (Eugene Durieu – Draped female)

Gertrude Stanton Käsebier, Family Portrait (Clarence H. White and Family), 1902

1902 (Gertrude Stanton Kasebier – Clarence H. White and his family)

BENVEИUTi A INTERИET: Intervista a Sixthclone

Interviste

Come promesso sono tornato! E quest’oggi vi propongo qualcosa di davvero eccezionale; un’intervista a quello che personalmente reputo uno degli internauti italiani più dotati di talento, SIXTHCLONE.

logo black

Il bel logo di Sixthclone

Ma partiamo dal principio: chiunque abbia un minimo di buonsenso e una connessione internet appena decente si sarà sicuramente imbattuto (se così non è vedete di rimediare subito!) nel canale YouTube noto come Sixthclone.

Non saprei neanche da dove incominciare per spiegarvi di cosa si tratta. Essenzialmente egli crea opere audiovisive, di questo ne sono sicuro, ma lo sminuirei se mi limitassi a questa descrizione. Potrei tentare di darne un’idea dicendo che è come se il signor Sixthclone avesse rubato dagli archivi di Mediaset polverose registrazioni dimenticate, le avesse inzuppate in LSD e allucinogeni vari, trasferite su vecchie VHS mezze smagnetizzate con un registratore alimentato a uranio, successivamente lanciate in un vortice ultradimensionale, recuperate e legate alla sedia a rotelle di Steven Hawking e poi portate a spasso a strascico nei vicoli più bui e profondi dell’Internet, dopodiché fatte impanare e friggere dai Daft Punk e infine caricate su YouTube usando Windows 95 su un super computer da 12 core. E non ci sono parole per descrive la grandiosità del risultato finale, guardate e stupite voi stessi.

Come potevo rimanere insensibile a tanta audacia e bellezza? Come potevo ignorare cotanta roba così affine ai temi che da sempre guignolesco.com tratta? Quindi l’ho contattato e gli ho proposto un’intervista, e lui con tutta la simpatia e la gentilezza del mondo ha accettato.

Ciao Sixthclone, è davvero un piacere farti queste domande, grazie per aver accettato. Iniziamo dal principio; chi sei e da dove vieni? Vedendo i tuoi contenuti potrei scommettere che sei nato negli anni 80, sbaglio?

Ciao, mi chiamo Danilo e sono della provincia di Viterbo. Hai indovinato, sono un classe 85, nostalgico del periodo d’oro della mia infanzia, quindi quello relativo alla metà degli anni 90.

E il nome? Sixthclone, s-i-x-t-h-c-l-o-n-e, possiede un suono splendido. Personalmente mi fa pensare ad un Italia1 ultradimensionale. Dunque come è nato questo nome?

In realtà è una storia un po lunga. Sono sempre stato un grande appassionato di racconti sci-fi e per questo motivo, da adolescente, ho cominciato a scrivere delle piccole storie inventate. Una di queste verteva sul tema clonazione umana ed il protagonista era un ipotetico sesto clone, denominato appunto Sixthclone, scartato poiché considerato imperfetto. Da quel momento ho deciso di adottare quel nome in quanto mi identificavo molto in quel sesto clone.

Perché fai quello che fai?

Faccio semplicemente ciò che mi piace fare, senza vincoli né limiti. La musica e l’animazione sono le mie valvole di sfogo, nonché le mie passioni da una vita.

Parlami degli inizi, come è iniziato il tuo progetto?

Bisogna innanzitutto scindere il progetto musicale da quello visivo, sono due cose nate separatamente. Ho iniziato a produrre musica elettronica nei primi anni del 2000, passando attraverso molti generi diversi, principalmente Hardcore e Neurofunk, poi negli ultimi anni mi sono immerso nella Synthwave. Il progetto visivo è nato appunto con quest’ultimo, quando ho deciso di cominciare a creare dei visual concept per accompagnare i miei pezzi. Probabilmente “Costanzowave” è stato il primo esperimento di questo genere.

Come definiresti i tuoi lavori? Cosa sono esattamente? Li si può etichettare? 

Bella domanda, non so come definirli esattamente. Solitamente produco la mia musica in base a ciò che mi passa in testa in quel momento, senza pormi il problema del genere musicale, dopodiché, appena ho raggiunto un risultato soddisfacente mi fermo e la riascolto diverse volte ad occhi chiusi, finché non mi appare il contesto visivo, la situazione e le immagini più adatte da associare a quella musica.

Aesthetic e Vaporwave centrano qualcosa?

La Vaporwave ha influenzato sicuramente le mie ultime cose, ma sono solito attingere ispirazione da molteplici fonti.

E quali sono le tue fonti di ispirazione? Se potessi con chi ti piacerebbe collaborare?

Le fonti di ispirazione sono una miriade, davvero impossibile elencarle tutte. Faccio solo tre nomi, tre artisti a 360°, infatti ognuno di loro è sia compositore che animatore e videomaker: Mike Diva, Cyriak e David Firth. Sarebbe bello collaborare con uno di questi grandissimi artisti.

Credi di essere un pioniere di una nuova corrente?

Pioniere assolutamente no, anche se non nego che mi piacerebbe inventare qualcosa di completamente nuovo.

Sei unico in Italia o hai altri “colleghi”?

Viaggio in un limbo musicale/visivo di difficile collocazione, ogni lavoro è influenzato da tanti generi diversi, quindi non so esattamente chi posso definire “collega” o meno. La cosa sicura è che il panorama italiano ha tanti talenti, spesso però nell’ombra.

Dove trovi le fonti video, ovvero tutti quei magnifici spezzoni di filmati squisitamente démodé che usi nei tuoi video? Internet, vecchie VHS, altro?

Ho tante VHS ma richiederebbe troppo tempo visionarle tutte e passare tutti i filmati in digitale, quindi mi affido principalmente a YouTube. Spesso trovo vecchissimi video con non più di una manciata di visualizzazioni che però sono oro, un esempio su tutti è lo spezzone video nella intro di “Eroi di un sogno”.

In quanto mio coetaneo credo di sapere già la risposta, ma ho notato che molti tuoi contenuti fanno parte dell’immaginario collettivo “Mediaset anni 90” come mai?

Mediaset è la principale fonte di trash nostrano, ed allo stesso tempo è la tv che ha cresciuto molte generazioni, quindi nel bene o nel male è parte integrante della nostra infanzia.

E tu cosa cosa guardavi da piccolo?

Superquark di Piero Angela, strano ma vero.

Nei tuoi video curi moltissimo anche la parte musicale, e nella tua bio ti definisci in quest’ordine Producer, Composer e Videomaker. Che mi dici del tuo lato musicale?

In realtà il mio progetto è principalmente musicale, è quello in cui cerco di concentrare maggiore creatività, il lato videomaking è nato successivamente. I pezzi ovviamente sono composti da me e, fatta eccezione per i campionamenti/vocal, sono originali scritti da zero.

A proposito; che musica ascolti, che film guardi e che libri leggi?

Qualsiasi tipo di musica, non disdegno quasi nulla, ma essendo cresciuto a pane e metal è quella la musica che ascolto più spesso, in particolare Deathcore e Djent. Per quanto riguarda i film, principalmente fantascienza e thriller. Leggo molte cose di Edgar A. Poe, H. P. Lovecraft e Philip K. Dick.

La qualità visiva dei tuoi lavori è davvero notevole, che programmi usi e come avviene la creazione di un video?

Uso After Effects per le animazioni e gli effetti video, Premiere o Sony Vegas per il lavoro di montaggio. Il video nasce prima di tutto in testa, una volta che ho ben chiaro tutte le scene e i passaggi che deve avere, passo a preparare tutto il materiale che mi serve in una cartella (musica, sfx, spezzoni video, immagini e testi), faccio un primo montaggio sommario poi passo al lavoro di animazione e l’aggiunta degli effetti. Infine sistemo il montaggio, qualche ritocco di color correction e renderizzo.

L’uso di ideogrammi giapponesi? Personalmente la trovo una componente visiva eccezionale.

Gli ideogrammi sono una caratteristica tipica dell’estetica Vaporwave, ed effettivamente è una componente visiva d’impatto, non c’è niente di così armonioso come i kanji.

Tra tutti i tuoi lavori c’è né qualcuno che reputi speciale o ami particolarmente?

Solitamente sono molto critico con me stesso e non mi piace quasi nulla di quello che faccio, l’unico video che mi ha soddisfatto è stato “Mediaset.zip” anche se è passato un pò inosservato rispetto agli altri.

Domanda scontata, analogico o digitale?

Analogico tutta la vita!

Che ne pensi di questa nostalgia, di questo Revival 80-90’s che stiamo vivendo? Plausibile che la tecnologia onnipresente inizi a stancarci?

Penso che sia un fenomeno culturale che farà sempre parte di noi stessi, tendiamo spesso a mitizzare gli anni che abbiamo vissuto da piccoli, basandoci per lo più su ricordi sbiaditi e appannati, anche le cose meno belle nei ricordi d’infanzia ci sembrano cose fantastiche. Succede ora con gli anni 80/90 e in futuro credo che succederà con gli anni che stiamo vivendo ora.

La tua arte ha senso solo ora o ne avrà anche in futuro? E in passato credi ne avrebbe avuto? Si lo so, è pura metafisica insensata.

Ho visto improvvisamente la faccia di Marzullo che mi fissava ahahah. Beh l’arte in generale è fatta per resistere nel tempo e passare da generazione in generazione, quindi chissà…

A proposito, che progetti hai per il futuro di Sixthclone?

Non faccio progetti, è una cosa che faccio principalmente per hobby e passione quindi tutto ciò che viene in più è tutto di guadagnato.

Ok, ora vengono le domande importanti:

Uan o Gabibbo?

Uan sempre!

Pecey o Dawson?

Direi Joey.

Hell in a Cell: Magalli vs Jerry Scotti. Chi vince?

Magalli vince in qualsiasi situazione.

Se ti dico 1,21 Giga Watt?

È la potenza di erogazione che richiede il mio vecchio pc per renderizzare i video in Full HD.

E i Rugrats?

Inquietanti.

TMC o JuniorTv?

TMC tutta la vita!

Pezzali o Repetto?

Repetto aveva più personalità.

Solo io avevo l’impressione che Casa Vianello fosse infestata dai fantasmi?

Prima non lo so ma ora di sicuro.

Macchina del tempo in garage, dove andresti?

Sicuramente il rinascimento, vorrei conoscere Leonardo Da Vinci.

Vuoi aggiungere qualcosa?

Si, Q2lhbyBhIHR1dHRpISA8Mw==

E con questo è tutto. Certo, sono convinto che la serie di caratteri apparentemente a caso qui sopra abbia un qualche significato nascosto, ma forse non lo scoprirò mai. E sono anche convinto che Danilo aka Sixthclone farà parecchia strada. Talento e carte in regola non gli mancano, la sua arte è stupenda e andrà parecchio lontano.

Qui sotto vi lascio i link ai suoi canali.

Questo è il suo canale YouTube

Questo il BandCamp

La pagina Facebook

E il profilo Instagram

logo white

A presto carissimi. 

Au revoir!

Shortcore

Carissimi! Questo post per comunicarvi che vado in “pausa” per qualche tempo, non troppo, solo qualche tempo. Al momento il lavoro e i vari impegni non mi danno la possibilità di dedicare il tempo che vorrei a questo mio blog. Ma non abbiatene male, tornerò presto (e lo farò con post davvero belli, croccanti e interessanti) l’inverno è lungo e mi farò sentire! 

hero_gatsbywide

Au revoir!

ALCOLCRAZIA

Libri

Carissimi, buongiorno!

Mi sento particolarmente felice nello scrivere questo post… Il motivo? Oggi, finalmente, ho pubblicato il mio primo libro! ALCOLCRAZIA! (sotto poi vi lascio il link…)

Ma veniamo con ordine. Circa dieci anni fa, quando ero ancora un adolescente antipatico e turbolento e con il fegato d’amianto, iniziai a scrivere piccole storielle. Certo, era già da anni che mi dilettavo nella scrittura (il primo tentativo libro risale alla quinta elementare) ma quelle storielle erano diverse. Quelle storielle erano pura rabbia adolescenziale (o citando un certo disco grunge, erano rabbia, sputo e pornografia). Si, perché in genere me ne tornavo a casa a notte fonda e, decisamente alticcio, mi mettevo a scrivere riversandoci dentro tutto lo schifo e la rabbia tipici dell’età.

Bene, in pochi anni feci decine e decine di storielle, che poi trascrissi al pc e lasciai riposare nel silenzio di un hard disk quasi dimenticandomene. Li rimasero fino a quando ebbi la (discutibile) pensata di trasformarle in un unico grande racconto, un romanzo (breve). Non avevo la minima idea di quanto sarebbe stata ardua un’impresa del genere, infatti la cosa richiese diversi anni e la completa ristesura di quelle dannate storielle decine o forse centinaia di volte. Ma finalmente, dopo tutto ciò, oggi è uscito Alcolcrazia.

Il libro in se non è troppo lungo, ma è pieno di quelle che definirei porcate. Ci trovate dentro di tutto, dalla droga alla violenza, dal disagio adolescenziale all’ironia, dall’alcolismo al surrealismo. Sangue e puttane insomma. Gli autori di riferimento potrebbero essere Bret Easton Ellis, Chuck PalaniukWilliam Burroughs. Il genere è Pulp, Black Humor, e romanzo di formazione.

In fin dei conti sono i tipici scritti adolescenziali, atti a stupire, niente di più e niente di meno.

Non ho voglia di stare a dirvi di cosa parla, ma ecco l’incipit:

Eravamo il sogno capitalista all’opera, figli di ricchi portafogli e poveri spiriti, i nostri padri e le nostre madri si crogiolavano nella perdizione socialmente accettata più di quanto noi riuscissimo a fare con droghe e quant’altro. Sì, i nostri padri, uomini d’affari pronti a sborsare bei quattrini per portarsi a letto qualche ragazzina. E le nostre madri; donne fatte, rifatte e mantenute che tiravano avanti a Prozac e lunghi aperitivi alcolici mascherati da succhi di frutta, iniezioni di botulino, liposuzione ed interventi di sbiancamento dell’ano. Lo so, è brutto che parli in questo modo della mia famiglia e dell’ambiente da cui provengo, ma è così, nessuno si salva.

Sarei pronto ad ammettere che i miei genitori siano diversi, ma sarebbe la verità?

A 22 anni, dopo aver completato gli studi con una ridicola laurea breve, giunse per me il momento di entrare nell’agognata alta società, far finta di lavorare in brillanti aziende dai nomi vincenti e rassicuranti che si fondano sul tentare di distribuire ricchezze nei modi meno equi possibili, arricchire vecchi grassoni milionari e truffare le masse; alta finanza all’opera. Finalmente era arrivato il nostro turno, noi giovani leoni figli di conti in banca e non di persone eravamo disposti a sperimentare le meraviglie della vita: sesso, droga, malattie cardiache e violenza. Pronti per uscirne come fotocopie dei nostri padri e delle nostre madri, che volere di più?

Spero che vi piaccia, qui sotto trovate il link Amazon. Poi, se una volta letto mi fate anche la recensione ne sarei davvero davvero davvero felice.

Clicca qui per il link Amazon di “ALCOLCRAZIA”

Davvero, fatemela la recensione.

Da Vinci’s Pulp

Letteratura

leonardo-da-vinci-the-anatomical

coll’abitare nelli tempi notturni in compagnia di tali morti squartati e scorticati…”

Recentemente mi è capitato tra le mani un vecchio libricino su (anzi, di) Leonardo Da Vinci, nient’altro che una bella raccolta dei vari appunti del maestro divisi per argomenti, dall’ingegneria alle fiabe, alla biologia, all’umorismo e ovviamente l’anatomia. Bene, in questo libro (se vi capita leggetelo) a tratti ci ho trovato anche del vero Pulp, qualcosa che va nozze con lo spirito di questo blog, dell’autentico Guignolesco!

Eccovene un breve estratto. E’ un Leonardo intento ad indagare la morte per scoprire i segreti della vita. Ma prima fate un piccolo sforzo, immaginatevi la situazione, siamo nel 1500 e il grande genio è solo nel suo studio, intento a sezionare cadaveri con grossolani strumenti alla luce di una candela…

E tu, che di’ esser meglio il vedere fare la notomia che vedere tali disegni, diresti bene, se fussi possibile veder tutte queste cose, che in tal disegni si dimostrano in una sola figura; nella quale, con tutto il tuo ingegno, non vedrai e non arai la notizia se non d’alquante poche vene; delle quali io, per averne vera e piena notizia, ho disfatti più di dieci corpi umani, destruggendo ogni altri membri, consumando con minutissime particule tutta la carne che dintorno a esse vene si trovava, sanza insanguinarle, se non d’insensibile insanguinamento delle vene capillare. E un sol corpo non bastava a tanto tempo, che bisognava procedere di mano in mano in tanti corpi, che si finissi la intera cognizione; la qual ripricai due volte per vedere le differenzie. E se tu arai l’amore a tal cosa, tu sarai forse impedito dallo stomaco; e se questo non ti impedisce, tu sarai forse impedito dalla paura coll’abitare nelli tempi notturni in compagnia di tali morti squartati e scorticati e spaventevoli a vederli; e se questo non t’impedisce, forse ti mancherà il disegno bono, il qual s’appartiene a tal figurazione. E se tu arai il disegno, e’ non sarà accompagnato dalla prespettiva; e se sarà accompagnato, e’ ti mancherà l’ordine delle dimostrazion geometriche e l’ordine delle calculazion delle forze e valimento de’ muscoli; o forse ti mancherà la pazienza, che tu non sarai diligente.

ENRICO ALEXANDER

CIBERNETICA

Shortcore

creation

Visto che il transumanesimo ci fotterà e che siamo inesorabilmente destinati all’estinzione, fatevi trovare pronti.

Ecco qui un disco e un libro che ho trovato incredibilmente moderni.

Spero li apprezzerete quanto me.

Il disco è “ELECTROSPECTIVE” una raccolta di vari artisti piu o meno elettronici pubblicato da EMI nel 2012. Ecco il link Spotyfi:

E il libro è “LA POESIA CONTEMPORANEA 1945/1972” del 1973 di Bruno Basile pubblicato da Sansoni. Dentro ci troverete cose abbastanza malate. Ecco la foto della mia copia che ho acquistato ad una fiera d’antiquariato e cianfrusaglie varie:

20170226_154407

ENRICO ALEXANDER

14 quadri che mi hanno (quasi) cambiato la vita

Arte

Probabilmente di arte ne so quanto un bonobo dell’Africa occidentale ne sa di motori a turbogetto aeronautici, ma non sarà certo questo a dissuadermi nello scrivere un post sul tema. Invoco già da ora il perdono e la comprensione di San Sgarbi e San Philippe Daverio, e anche la compassione e la pietà di tutti i laureati in storia dell’arte (e simili) che leggeranno questo post.

Ora, tralasciando le mie considerazioni sceniche (le folle amano gli ignoranti che parlano a random) ecco quattordici quadri che in diversa misura mi hanno ossessionato, quattordici quadri che amo e che spero apprezzerete anche voi. Come al solito ogni immagine sarà accompagnata da qualche riga dove vaneggerò sconclusionaggini, con molta leggerezza e ironia. Spero vi interesserete a questi dipinti e spero che sarete contenti quanto me nel guardarli, tutt’al più spero di strapparvi un sorriso.

P.S: Per gli amanti della nicchia sarà una delusione, sono tutti quadri famosissimi eccetto uno.

P.P.S: Non è che questi quadri mi abbiano effettivamente cambiato la vita, ma dopo il post “12 libri che mi hanno quasi cambiato la vita” non potevo chiamarlo altrimenti.

ARNOLD BOCKLIN – ISLE OF THE DEAD (1883-1886)

13 (3)

L’isola dei morti, chissà cosa si nasconde all’ombra di quei cipressi, chissà cosa si cela in quei sepolcri scavati nella pietra, chissà come deve essere l’eternità da quelle parti. Amo ogni singola pennellata di questo quadro, amo i suoi misteri e la sua cupezza. Bocklin ne dipinse 5 versioni, quella che vedete qui è la terza, a mio parere la più bella insieme alla quinta. La quarta si trovava nell’ufficio personale di Hitler, si dice che egli lo apprezzasse molto, purtroppo quella versione andò distrutta. Bocklin inoltre dipinse anche un’isola dei vivi.

WILLIAM BOUGUEREAU – DANTE E VIRGILIO (1850)

William Bouguereau - Dante and Virgilio.jpg

Le luci cupe e rossastre, i muscoli contratti, il ginocchio piantato nella schiena, il morso alla giugulare, le dita che artigliano il costato, il polso stritolato, il pallore dei corpi, il demone che ride beffardo, Dante e Virgilio intimoriti che quasi si abbraccino, i disperati sullo sfondo e il moribondo a terra con i pugni chiusi che mi immagino tremante. Come si fa a non apprezzare tanta audacia e crudezza. E poi si sa, la dannazione attira sempre.

JOHN COLLIER – LILITH (1892) 

John Collier 3.jpg

Proprio sopra dicevo che la dannazione attira sempre… Questa è Lilith e anche se non lo sembra è un demone. Se mi tentasse non resisterei un minuto, anzi accetterei di buon grado la dannazione eterna per del sesso con lei. E’ perfetta, è maledettamente intrigante, ne sono rapito.

GIORGIO DE CHIRICO – LE MUSE INQUIETANTI (1917)

6

De Chirico è il mio pittore preferito e ci sarebbero cosi tante cose da dire sulla sua arte, sulla Metafisica e sulle muse inquietanti, ma sarò sintetico. La luce e le ombre in disaccordo, il piano inclinato, scatole e oggetti misteriosi e impossibili, manichini inquietanti e privi di senso, questo è il mio mondo ideale. Io amo amo amo la realtà di confine, la metafisica, l’ignoto, il privo di senso, desidero perdermi in dimensioni parallele incollate sull’altro lato dello spaziotempo. De Chirico riesce a rappresentare l’altra faccia della realtà e io sono fermamente convinto che quei luoghi esitano, quella realtà esista, e sono anche sicuro che in quei luoghi la dimensione temporale sia completamente diversa dalla nostra. In definitiva un brodo di fisica, metafisica e deliri.

GIORGIO DE CHIRICO – RITRATTO DI APOLLINAIRE (1914)

7

Anche qui vale tutto ciò che ho scritto sopra. E vi do pure la ciliegina sulla torta, pare che questo sia stato un quadro premonitore, ora vi spiego: questo è un ritratto che De Chirico dipinse per l’amico Apollinaire, la sagoma nera sollo sfondo è proprio Apollinaire ed è dipinto come sagoma da tiro a segno, il centro del bersaglio è alla sua tempia. Quello sotto è De Chirico, porta gli occhiali neri da cieco, è un veggente. Bene, pochi anni dopo (in guerra) Apollinaire in un certo senso diventò davvero come un bersaglio del tiro a segno e morì proprio per un colpo alla tempia.

GIUSEPPE ARCIMBOLDO – IL LIBRARIO (1566)

1

Questo quadro mi riporta alla mente bei ricordi, mi riporta alla mente la mia infanzia. Ricordo che era presente nel libro di italiano delle elementari, probabilmente messo li un po per caso sotto una qualche semplice poesia. Io passavo le ore a fissare quell’immagine, un essere fatto da vecchi libri che se ne veniva fuori da dietro una tenda era per la mia fervida immaginazione meglio di qualsiasi videogioco, era a dir poco fantastico. Dannazione è un essere fatto di libri dietro una tenda! Esiste qualcosa di più figo?! Spero afferiate anche voi la grandiosità di questa cosa!

MICHELANGELO MERISI – GIUDITTA E OLOFERNE (1599)

5

Caravaggio è figo a priori. Una vita spericolata e la più alta tecnica pittorica mai raggiunta da uomo o donna nella storia dell’umanità. Il migliore. Non credo ci sia bisogno di spender parole su di lui tanto vincerebbe a mani basse.

CARLO CARRA’ – LA MUSA METAFISICA (1917)

4.jpg

Altro pezzo da novanta, Carlo Carrà e la sua metafisica. Questo forse è il dipinto che amo di più in assoluto. Me ne innamorai a 12 – 13 anni, ricordo che era presente nel libro d’arte delle scuole medie e io ovviamente al posto di seguire le lezioni (ho sempre avuto un pessimo rapporto con la scuola) fantasticavo su questo dipinto. E’ stupendo, mi ricorda qualcosa di ancestrale, qualcosa di remoto ma familiare, qualcosa dietro l’angolo o dall’altra parte della parete o sotto il velo. Il tempo li è fermo e l’uomo non esiste, ma è una realtà tangibile ed è fatta di materia. E non so, mi fa pensare ad una soffitta ultradimensionale.

RENE’ MAGRITTE – LA LAMPE PHILOSOPHIQUE (1936)

12

Un quadro che parla da solo.

RENE’ MAGRITTE – THE SON OF A MAN (1964)

11

Assurdo e impossibile, lo trovo un quadro disturbante e lo amo proprio per questo. Mi trasmette quasi disagio, quasi inquietudine.

“Ebbene, qui abbiamo qualcosa di apparentemente visibile poiché la mela nasconde ciò che è nascosto e visibile allo stesso tempo, ovvero il volto della persona. Questo processo avviene infinitamente. Ogni cosa che noi vediamo ne nasconde un’altra; noi vogliamo sempre vedere quello che è nascosto da ciò che vediamo. Proviamo interesse in quello che è nascosto e in ciò che il visibile non ci mostra. Questo interesse può assumere la forma di un sentimento letteralmente intenso, un tipo di disputa, potrei dire, fra ciò che è nascosto e visibile e l’apparentemente visibile.” Renè Magritte a proposito del Figlio dell’uomo

SALVADOR DALI’ – CRISTO DE SAN JUAN DE LA CRUZ (1951)

10

Dalì mi sta un leggermente antipatico, ma dal punto di vista artistico era sicuramente geniale. Certo, sono dell’idea che il surrealismo non sia puro e assoluto come la metafisica, ma questa è un altra storia… Nel Cristo di San Giovanni è la prospettiva a mandarmi fuori di testa, a dir poco allucinante e ipnotica, fantastica. La mia personalissima idea abbia è che abbia a che fare con un ipercubo, una dimensione spaziale in più, già usata altre volte da Dalì.

SALVADOR DALI’ – LA PERSISTENCIA DE LA MEMORIA (1931)

8

BOOOM! E’ la mia testa che esplode fiammeggiando sparpagliando grumi di cervello un po ovunque mentre osservo “la persistenza della memoria”.

WILLIAM BLAKE – THE NUMBER OF THE BEAST IS 666 (1805)

The_number_of_the_beast_is_666_Philadelphia,_Rosenbach_Museum_and_Library

Non lo trovo particolarmente interessante come quadro, inizialmente non volevo nemmeno metterlo… L’unica cosa degna di nota a riguardo è che una volta sognai di essere al cospetto di quel demone (credo sia Satana in persona) e nel sogno egli mi spiego per quale motivo avesse tre teste e l’utilità del suo bastone, in oltre mi disse di aver anche dei guanti bianchi… Ma questa è un altra storia, magari un giorno ne scriverò.

G.MOSCO – GRU CORONATE (?)

20160206_104738

Mi scuso per la foto di bassa qualità, l’ho scattata io. Questo quadro è diverso da tutti gli altri, questo quadro si trova a casa mia e c’è sempre stato da quando io ho memoria. Non so molto a proposito, mio padre mi disse che glielo regalò un suo amico pittore molti anni addietro. Ci sono affezionato, trovo che sia bello e mi piace molto osservarlo. Sul retro sta così scritto:

“Gru coronate. A Roberto per buon ricordo.”

ENRICO ALEXANDER N.

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

DMCA.com Protection Status

© copyright 2016