Il cimitero di Kozej Bráne

Diari di Viaggio

Recentemente sono stato nella bellissima Bratislava, e girovagando senza posa, mi sono fortuitamente imbattuto in un piccolo, vecchio e affascinante cimitero, Kozej Bràne.

Bratislava (25)

Ma procediamo con ordine, questi che seguono sono i mie appunti di viaggio che scrissi sulla mia fedele Moleskine quel giorno stesso e quelle che vedete ovviamente sono le foto che scattai:

Bratislava (5)

Altro giro giù il gettone, una cosa certa del viaggiare in Europa sono le chiese cristiane, li si può sempre trovare del macabro, del Pupl. Teschi umani, mummie, allegorie sulla morte, sangue, spade infuocate e demoni vari. Per non parlare delle reliquie, che il più delle volte non sono altro che parti anatomiche umane smembrate e vecchie di secoli. Il che eccita la fantasia, puro Pulp vecchia scuola, autentico. In misura minore vale anche per i vecchi cimiteri, e quando mi trovo in una grande città non manco mai di visitarli, lo stesso vale anche per questa Bratislava.

Bratislava (27)

Una cosa di cui ho particolarmente interesse è l’oblio alla quale sono destinate le vecchie tombe, vecchie di cento anni e più. Marmi monumentali di ricche famiglie acquistati ad alte cifre per far si che rimanessero in memoria oltre la morte. In effetti rimasti sono rimasti, nessuno si è permesso di prende e sbriciolare le ossa per poi mischiarle con altri resti di quelle che erano altre persone e infine metterle in piccole cassette di ferro e infilarle in anonimi muri.

Bratislava (26)

Solo che, essendo morti anche i discendenti, ora sono solo tombe in preda all’oblio, invase dall’edera, dimenticate. Lapidi divelte e croci ribaltate, in alcuni casi anche spezzate e semi distrutte, inscrizioni illeggibili. Solo pezzi di marmo che affiorano tra l’edera e le erbacce, da li a poco l’oblio.

Non rimarrà nulla della tua vita e di ciò che sei stato. Come per tutti.

Bratislava (29)

Certo già il fatto che i loro nomi, a volte preceduti da titoli come Dottor, Professor e quant’altro, siano rimasti qualche secolo inscritti in lapidi dopo la loro dipartita forse è già qualcosa, noi poveri plebei forse non avremmo diritto neanche a questo.

C’est la vie! O forse dovrei dire la mort!

Bratislava (12)

Li finivano gli appunti sul cimitero… Ora, tornando a noi, ricordo di aver visto anche un paio di cose strane, strane per me almeno. Ora ve le mostro…

Bratislava (16)

La tomba che vedete qui sopra è senza date e senza nome, solamente una croce e la scritta “LEVIUS”

Beh per la mia fervida immaginazione ovviamente questa è sicuramente la tomba dove riposa una creatura demoniaca chiamata LEVIUS. Un bestia che prima o poi un qualche alchimista pazzo ridesterà dal suo sonno millenario per dominare il mondo, non sapendo che LEVIUS gli si ritorcerà contro.

Un altra cosa alquanto bizzarra e affascinante era quest’altra tomba..

Bratislava (14)

Mi si è gelato il sangue, e ho pensato

“PORCAPUTTANA LA TOMBA DI FREDDY KREUGER! LA TOMBA DI FREDDY! SANT’IDDIO QUESTA E’ LA TOMBA FREDDY KREUGER!”

Ah si e poi ho visto anche un animaletto pigro e simpatico. Che fosse riccio fantasma?

Bratislava (20)

E chiudiamo quì…

Questa esperienza è estrapolata da una serie di viaggi ad est che ho fatto negli ultimi mesi: Budapest, Vienna e Bratislava. Viaggi nei quali ho scritto parecchio, e appena avrò lo slancio necessario per battere la pigrizia preparerò un bel post con i diari integrali dei suddetti viaggi!

Per adesso accontentatevi delle altre foto che scattai quel giorno al cimitero di Kozej Bràne…

Bratislava (1)Bratislava (2)Bratislava (3)Bratislava (6)Bratislava (7)Bratislava (8)Bratislava (9)Bratislava (11)Bratislava (13)Bratislava (18)Bratislava (19)Bratislava (23)Bratislava (30)Bratislava (33)

ENRICO ALEXANDER

2016

DMCA.com Protection Status

Safe Creative #1607110240099

Jesus Christ “GG” ALLIN

Musica

Tipo: Umano?     Anno: 1956-1993

rr (4)

La parola “candido” e la parola “Allin” non dovrebbero mai stare insieme nella stessa frase, mai. Ma la foto che ho scelto (forse una delle poche dove non son presenti fluidi corporei) fa pensare proprio a quelle due parole nella stessa frase. Jesus Christ Kevin Michael Allin meglio noto come GG Allin, si potrebbero dire un infinità di cose su di lui, cose che non dirò. Quando ho iniziato le ricerche per questo articolo mi sono imbattuto in un così impressionate numero di fatti assurdi riguardanti quest’uomo che alla fine ho capito che in qualsiasi modo avessi tentato di descriverlo l’avrei sminuito, forse migliorato, e di certo non sarei mai riuscito a dare un immagine completa. Come sarebbe stato possibile d’altronde? Di cosa avrei parlato? Del GG Allin icona punk, militante in una dozzina di gruppi? Del GG Allin malato di mente? Del GG Allin nudo che tira merda e siringhe al proprio pubblico? Del GG Allin che fa pompini ai fan sul palco durante i concerti? E’ impossibile descrivere quest’uomo in modo convenzionale. Sulla pagina wiki si trovano cose come

“ed allora Allin corse in strada nudo e coperto di sangue e feci seguito da un nutrito numero di spettatori.”

Il GG Allin che, santo cielo, ha come nome di battesimo Jesus Christ?! Il GG Allin che annuncia la propria morte (la prima volta per Mercoledì 31 Ottobre 1990). Oppure avrei potuto parlare di lui attraverso il fratello, Merle Allin, che morto GG veste il suo cadavere solo di chiodo e mutande, organizza un party dove due dozzine di punk ubriachi molestano il cadavere già in evidente stato di putrefazione, il tutto filmato e trasformato in documentario. Avrei potuto parlare della sua sua tomba, dove ancora oggi i fans defecano e urinano? Del GG Allin che pare sia resuscitato? Del GG Allin che aveva una missione? Eccetera, eccetera, eccetera… L’unica cosa che mi sento di dire su GG Allin e che è un metro di misura per tutto il resto. Un termine di paragone che nessuno desidera ma di cui c’era bisogno. Scopritevelo da soli GG Allin, io non lo conosco.  Vi lascio con la sua cartella clinica.

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

DMCA.com Protection Status

© copyright 2015